Carlo Goldoni
La bancarotta, o sia il mercante fallito

ATTO TERZO

SCENA QUINDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Brighella e detti.

 

BRIGH. Padroni riveriti.

LEAN. Che c'è? Che cosa volete?

BRIGH. Vegno a dire che i pol despenar dai libri le partite del mio padron.

LEAN. Perché?

BRIGH. Perché in sto ponto l'è stà chiappà dai sbirri, e l'è stà messo in preson.

PANT. Gerelo con una donna?

BRIGH. Sì signor, con siora Clarice. E anca ela l'è stada messa in una corriera e mandada via.

LEAN. Per che cosa lo hanno carcerato?

BRIGH. No ghe so dir, ma credo che ghe sia del sporco. Prima de tutto nol gieraconte, né lustrissimo, né signor: e po l'ha fatto tante porcarie, tante prepotenze...

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License