Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO PRIMO

Scena Prima. Pasqua, Lucietta, Libera, Orsetta, Checca

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

Scena Prima. Pasqua, Lucietta, Libera, Orsetta, Checca

 

Strada con varie casupole.

 

PASQUA e LUCIETTA da una parte. LIBERA, ORSETTA e CHECCA dall'altra. Tutte a sedere sopra seggiole di paglia, lavorando merletti su i loro cuscini posti ne' loro scagnetti.

 

LUC. Creature, còssa diséu de sto tempo?

ORS. Che órdene xélo?

LUC. Mo no so, varé. Oe, cugnà, che órdene xélo?

PAS. (a Ors.) No ti senti, che boccon de sirocco?

ORS. Xélo bon da vegnire de sottovènto?

PAS. Si bèn, si bèn. Si i vien i nostri òmeni, i gh'ha el vento in pòppe.

LIB. Ancùo o doman i doveràve vegnire.

CHE. Oh! bisogna donca, che spèssega a laorare; avanti che i vegna, lo voràve fenire sto merlo.

LUC. Di', Chècca: quanto te n'amanca a fenire?

CHE. Oh! me n'amanca un brazzo.

LIB. (a Checca) Ti laóri molto puoco, fia mia.

CHE. Oh! quanto che gh'ho sto merlo su sto balón?

LIB. Una settemana.

CHE. Ben! una settemana?

LIB. Destrìghete, se ti vuol la carpètta.

LUC. Oe, Checca, che carpètta te fàstu?

CHE. Una carpètta nióva de caliman.

LUC. Dasséno? Te mèttistu in donzelón?

CHE. In donzelón? No so miga còssa che vòggia dir.

ORS. Oh che pandòla! Non ti sa, che co una putta granda, se ghe fa el donzelón: e che co la gh'ha el donzelón, segno che i soi i la vuòl maridare.

CHE. (a Libera) Oe, sorèla!

LIB. Fia mia.

CHE. Me voléu maridare?

LIB. Aspetta, che vegna mio marìo.

CHE. Donna Pasqua: mio cugnà Fortunato no xélo andà a pescare co paron Toni?

PAS. Sì, no lo sàstu, che el in tartana col mio paron e co Beppe so fradelo?

CHE. No ghe anca Titta-Nane co lori?

LUC. (a Checca) Sì ben: còssa voréssistu dire? Còssa pretenderàvistu da Titta-Nane?

CHE. ? Gnente.

LUC. No ti sa che do anni che mi ghe parlo? E che co 'l vien in terra, el m'ha promesso de darme el segno?

CHE. (da sé) (Malignaza culìa! La i vól tutti per ela).

ORS. Via, via, Luciètta, no star a bacilare. Avanti che Checca mia sorela se maride, m'ho da maridare , m'ho da maridare. vegnirà in terra Beppe, to fradelo, el me sposerà , e se Titta-Nane vorà, ti te poderà sposare anca . Per mia sorèla, ghtèmpo.

CHE. (ad Orsetta) Oh! , siora, no voressi mai che me maridasse.

LIB. Tasi ; tendi al to laorière.

CHE. Se fusse viva mia donna mare...

LIB. Tasi, che te trago el balón in coste.

CHE. (da sé) (Sì, sì, me vòggio maridare, se credesse de aver da tióre un de quei squartai, che va a granzi).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License