Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO PRIMO

Scena Terza. I suddetti, fuor di Canocchia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. I suddetti, fuor di Canocchia

 

TOF. (piano a Checca) (Arecordève, siora Checca, che m'avé dito, che de mi no ve degné)

CHE. (a Toffolo) (Andé via, che no ve tèndo).

TOF. (a Checca) (E sì, mare de diana! gh'avéa qualche bona intenzion).

CHE. (come sopra) (De còssa?)

TOF. (come sopra) (Mio sàntolo me vôl metter suso peòta; e co son a traghètto, anca me vói maridare).

CHE. (come sopra) (Dasséno?)

TOF. (come sopra) (Ma vu avé dito, che no ve degné).

CHE. (come sopra) (Oh! ho dito de la zucca, no ho miga dito de ).

LIB. Oe, oe, digo, còssa sti parlari?

TOF. Varé! Vardo a laorare.

LIB. Andé via de , ve digo.

TOF. Còssa ve fàzzio? Tolé; anderò via (si scosta, e va bel bello dall'altra parte).

CHE. (da sé) (Sia malignazo!)

ORS. (a Libera) (Mo via, cara sorèla, se el la volesse, savé che putto che el : no ghe la voressi dare?)

LUC. (a Pasqua) (Còssa diséu, cugnà? La se mette suso a bon'ora).

PAS. (a Lucietta) (Se ti savessi. che rabbia. che la me fa!).

LUC. (da sé) (Varé che fusto! Viva cocchietto! La vòggio far desperare).

TOF. Sfadighève a pian, donna Pasqua.

PAS. Oh! no me sfadìgo, no, fio; no vedé che mazzette grosse? El merlo da diese soldi.

TOF. E vu, Lucietta?

LUC. Oh! el mio da trenta.

TOF. E co belo che el !

LUC. Ve piàselo?

TOF. Mo co pulito! Mo cari quei deolìni!

LUC. Vegnì qua; sentève.

TOF. (siede) Oh! qua son più a la bonazza.

CHE. (a Orsetta, facendole osservare Toffolo vicino a Lucietta) (Oe, còssa diséu?)

ORS. (a Checca) (Lassa che i fazza, no te n'impazzare).

TOF. (a Lucietta) (Se starò qua, me bastoneràli?)

LUC. (a Toffolo) (Oh che matto!)

ORS. (a Libera, accennando Lucietta) (Còssa diséu?)

TOF. Donna Pasqua, voléu tabacco?

PAS. Xélo bòn?

TOF. El de quelo de Malamocco.

PAS. Dàmene una presa.

TOF. Volentiera.

CHE. (da sé) (Se Titta-Nane lo sa, poverètta ela!)

TOF. E , Lucietta, ghe ne voléu?

LUC. ( qua, sì ben. Per far despetto a culìa.) (accenna Checca)

TOF. (a Lucietta) (Mo che occhi baroni!)

LUC. (a Toffolo) (Oh giusto! No i miga queli de Checca).

TOF. (a Lucietta) (Chi? Checca? Gnanca in mente).

LUC. (a Toffolo accennando Checca con derisione) (Vardé, co bela che la !)

TOF. (a Lucietta) (Vera chiòe!)

CHE. (da sé) (Anca sì, che i parla de ?)

LUC. (a Toffolo) (No la ve piase?)

TOF. (a Lucietta) (Made.)

LUC. (a Toffolo sorridendo) (I ghe dise Puinètta.)

TOF. (a Lucietta, sorridendo e guardando Checca) (Puinètta i ghe dise?)

CHE. (forte verso Toffolo e Lucietta) Oe, digo; no so miga orba, varé. La voléu fenire?

TOF. (forte, imitando quelli che vendono la «puina», cioè la ricotta) Puìna fresca, puìna.

CHE. (s'alza) Cossa sto parlare? Cossa sto puinare?

ORS. (a Checca, e s'alza) No te n'impazzare.

LTB. (a Orsetta e Checca, alzandosi) Tendi a laorare.

ORS. Che el se varda elo, sior Tòffolo Marmottina.

TOF. Còss'è sto Marmottina?

ORS. Sior sì, credéu che nol sappièmo che i ve dise Tòffolo Marmottina?

LUC. Varé che sesti! Varé che bela prudenzia!

ORS. Eh! via, cara siora Lucietta Panchiana.

LUC. Cossa sta Panchiana? Tendé a , siora Orsètta Meggiòtto.

LIB No sté a strapazzar mie sorèle, che mare de diana...

PAS. (s'alza) Porté respetto a mia cugnà.

LIB. Eh! tasé, donna Pasqua Fersóra.

PAS. Tasé , donna Libera Galozzo.

TOF. Se no fussi donne, sangue de un'anguria...

LIB. Vegnirà el mio paron

CHE. Vegnirà Titta-Nane. Ghe vói contare tutto, ghe vói contare.

LUC. Cóntighe. Còssa m'importa?

ORS. Che el vegna paron Toni Canestro...

LUC. Sì, sì, che el vegna paron Fortunato Baicolo...

ORS. Oh che temporale!

LUC. Oh che sússio!

PAS. Oh che bissabuòva!

ORS. Oh che stramanìo!

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License