Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO PRIMO

Scena Quarta. Paron Vicenzo, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Paron Vicenzo, e detti

 

VIC. Olà olà, zitto, donne. Cossa diavolo gh'avéu?

LUC. Oe, vegni qua, paron Vicènzo.

ORS. Oe, senti, paron Vicenzo Lasagna.

VIC. Quietève, che arivà in sto ponto la tartana de paron Toni.

PAS. (a Lucietta) Oe, zitto, che arivà mio marìo.

LUC. (a Pasqua) Uh, ghe sarà Titta-Nane!

LIB. Oe, putte, no che vostro cugnà sappia gnènte.

ORS. Zitto, zitto, che gnanca Beppo no sappia.

TOF. Lucietta, so qua , no ve sté a stremire.

LUC. (a Toffolo) Va via.

PAS. (a Toffolo) Via!

TOF. A mi? Sangue d'un bisatto!

PAS Va a ziogare al trottolo.

LUC. Va a ziogare a chiba.

TOF. A mi, mare de diana! Anderò mo giusto, mo, da Checchina. (s'accosta a Checca)

LTB. Via, spórco!

ORS. Càvete!

CHE. Va in malora!

TOF. (con isdegno) A mi, spórco? A mi, va in malora?

VIC. Va in bùrchio!

TOF (con caldo) Olà, olà, paron Vicenzo!

VIC. (gli uno scappellotto) Va a tirare l'alzana.

TOF. Gh'avé rason, che no vòggio precipitare. (parte)

PAS. (a Vicenzo) Dove xéli co la tartana?

VIC. In rio sècco, no i ghe può vegnire. I ligài a Vigo. Se volé gnènte, vago a vèdere, se i gh'a del pèsse; e se i ghe n'ha, ghe ne vói comprare per mandarlo a vèndere a Pontelongo.

LUC. (a Vicenzo) Oe, no ghe disé gnente.

LIB. Oe, paron Vicenzo, no ghe stèssi miga a contare.

VIC. Che cade!

ORS. No ghe stèssi a dire...

VIC. Mo no sté a bacilare.

LIB. Via, no femo che i nostri òmeni n'abbia da trovare in baruffa.

PAS. Oh! presto la me monta, e presto la me passe.

LUC. Checca, xèstu in còlera?

CHE. No ti sa far altro, che far despetti.

ORS. A monte, a monte. Sèmio amighe?

LUC. No voléu che lo sièmo?

ORS. Dàme un baso, Lucietta.

LUC. Tiò, vissere. (si baciano).

ORS. Anca ti, Checca.

CHE. (piano) (No gh'ho bon stómego.)

LUC. Via, matta.

CHE. Via, che ti doppia co fa le céole.

LUC. ? Oh! ti me cognossi puoco. Vié qua, dàme un baso.

CHE. Tiò. Varda ben, no me minchionare.

PAS. Tiò el balon, e andèmo in , che po anderemo in tartana. (piglia lo scagno col cuscino, e parte)

LIB. Putte, andemo anca nu, che li anderemo a incontrare. (parte col suo scagno)

ORS. No vedo l'ora de vèderlo el mio caro Beppo. (parte col suo scagno)

LUC. Bondí, Checca. (prende il suo scagno)

CHE. Bondí. Vòggieme ben. (prende il suo scagno, e parte).

LUC. No t'indubitare. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License