Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO PRIMO

Scena Undicesima. Paron Toni esce di casa, poi rientra, e subito torna a sortire; poi Pasqua, e Lucietta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Paron Toni esce di casa, poi rientra, e subito torna a sortire; poi Pasqua, e Lucietta

 

TON. Còssa sta cagnara?

TOF. (tira un sasso a paron Toni).

TON. Agiùto, i m'ha una pierà! Aspetta, galiotto, che vói che ti me la paghe. (entra in casa)

TOF. Mi no fazzo gnente a nissun, no fazzo. Cossa me vegniu a insolentare? (prendendo sassi)

BEP Metti quele piére.

TOF Metti via quel cortelo.

TON. (forte, con un pistolese) Via che te tàggio a tocchi.

PAS. (trattenendo paron Toni) Paron, fermève.

LUC. (trattenendo paron Toni) Fradèi, fermève.

BEP Lo volemo mazzare.

LUC. (trattiene Beppo) Via, strambazzo, fèrmite.

TOF. (minacciando coi sassi) Sté in drio, che ve coppo.

LUC. (gridando) Zènte!

PAS. (gridando) Creature!

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License