Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO PRIMO

Scena Dodicesima. Paron Fortunato, Libera, Orsetta, Checca, Uomini che portano pesce e farina, ed i suddetti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Paron Fortunato, Libera, Orsetta, Checca, Uomini che portano pesce e farina, ed i suddetti

 

FOR. Com'èla? Com'èla? Forti, forti, comtèla?

ORS. Oe! Custión.

CHE. Custión? Poveretta mi. (corre in casa)

LIB. Inspiritài, fermève.

BEP. (alle donne) Per causa vostra.

ORS. Chi? Còssa?

LIB. Me maravéggio de sto parlare.

LUC. Sì, sì, vu altre tegnì tenzón.

PAS. Sì, sì, vu altre sé zente da precipitare.

ORS. Sentì, che sproposità!

LTB. Sentì, che léngue!

BEP. Ve lo mazzerò su la porta.

ORS. Chi?

BEP. Quel furbazzo de Marmottina.

TOF. (tira de' sassi) Via, che mi no son Marmottina.

PAS. (spingendo Toni) Paron, in casa.

LUC. (spingendo Beppo) In casa, fradèlo, in casa.

TON. Sté ferma.

PAS. In casa, ve digo, in casa. (lo fa entrare in casa con lei)

BEP. (a Lucietta) Làsseme stare.

LUC. Va drento, te digo, matto; va drento. (il fa entrare con lei. Serrano la porta)

TOF. Baroni, sassini, vegni fuòra, se gh'avé coraggio.

ORS. (a Toffolo) Va in malora!

LIB. Vatte a far squartare. (lo spinge via)

TOF. Còss'è sto spènzere? Còssa sto parlare?

FOR. Va ìa, va ìa, che debotto, se te metto e ma a torno, te fazzo egni fuòra e buéle pe a bocca.

TOF. Ve porto respetto, ve porto, perché sé vècchio; e perché sé cugnà de Checchina. (verso la porta di Toni) Ma sti baroni, sti cani, sangue di diana, me l'ha da pagare.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License