Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO SECONDO

Scena Seconda. Pasqua e Lucietta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Seconda. Pasqua e Lucietta

 

Strada, come nella prima scena dell'Atto primo.

 

PASQUA e LUCIETTA escono dalla loro casa, portando le loro sedie di paglia, i loro scagni e i loro cuscini, e si mettono a lavorare merletti.

 

LUC. Àle mo fatto una bela còssa quele pettazze? Andare a dire a Titta-Nane che Marmottina m'è vegnù a parlare?

PAS. E àstu fatto ben a dire ai to fradei quelo che gh'ha dito?

LUC. E , siora? No avé dito gnente, siora?

PAS. Sì ben; ho parlà anca , e ho fatto mal a parlare.

LUC. Malignazo! avéa zurà anca de no dire.

PAS. La cusì, cugnà, credéme, la cusi. Nu altre fémene, se no parlèmo, crepèmo.

LUC. Oe, no voleva parlare, e no m'ho podèsto tegnir. Me vegniva la parole a la bocca, procurava a inghiottire, e me soffegava. Da una rècchia i me diseva: tasi; da quel'altra i diseva: parla. Oe, ho serà la recchia del tasi e ho slargà la recchia del parla, e ho parlà fina che ho podèsto.

PAS. Me despiase che i nostri òmeni i ha avùo da precipitare.

LUC. Eh gnente. Tòffolo un martuffo; no sarà gnente.

PAS. Beppo vôl licenziar Orsetta.

LUC. Ben! El ghe ne troverà un'altra! a Chioza no ghcarestia de putte.

PAS. No, no; de quaranta mile àneme che sèmo, mi credo che ghe ne sia trenta mile de donne.

LUC. E quante che ghe ne da maridare!

PAS. Per questo, védistu? Me despiase, che se Titta-Nane te lassa, ti stenterà a trovàrghene un altro.

LUC. Cossa gh'òggio fatto a Titta-Nane?

PAS. Gnente non ti gh'ha fatto, ma quele pettegole l'ha messo suso.

LUC. Se el me volesse ben, nol ghe crederàve.

PAS. No sàstu che el zeloso?

LUC. De cossa? No se può gnanca parlare? No se può ridere? No se se può divertire? I òmeni i stà diese mesi in mare; e nu altre avèmo da star qua muffe muffe a tambascare co ste malignaze mazzocche?

PAS. Oe, tasi, tasi; el qua Titta-Nane.

LUC. Oh! el gh'ha la smara. Me n'accorzo, co 'l gh'ha la smara.

. No ghe star a fare el muson.

LUC. Se el me lo farà elo, ghe lo farò anca .

PAS. Ghe vùstu ben?

LUC. sì.

PAS. Mòlighe, se ti ghe vôl ben.

LUC. Mi no, varé.

PAS. Mo via, no buttare testarda.

LUC. Oh! piuttosto crepare.

PAS. Mo che putta morgnona!

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License