Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO SECONDO

Scena Sesta. Lucietta e Titta-Nane

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Lucietta e Titta-Nane

 

TIT. Vedéu, siora? Per causa vostra.

LUC. ? Còss'òggio fatto? Per causa mia?

TIT. Perché no gh'avé giudizio, perché sé una frasca.

LUC. Va in malora, strambazzo.

TIT. Anderò via bandìo, ti sarà contènta.

LUC. Bandìo ti anderà? Vié qua. Per còssa bandìo?

TIT. Ma se ho da andare, se i m'ha da bandire, Marmottina lo vói mazzare.

LUC. Xèstu matto?

TIT. (a Lucietta minacciandola) E , e , ti me l'ha da pagare.

LUC. ? Che colpa n'òggio?

TIT. Vàrdete da un desperào, vàrdete.

LUC. Oe, oe, vien el Comandadore.

TIT. Poveretto ! presto, che no i me vede, che no i me fazze chiappare. (parte)

LUC. Can, sassin, el va via, el me manazza. Xélo questo el ben che el me vuole? Mo, che òmeni! Mo che zente! No, no me vòggio più maridare; più tosto me vòggio andar a negare. (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License