Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO SECONDO

Scena Settima. Il Comandadore (esce di casa) e Paron Fortunato

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Il Comandadore (esce di casa) e Paron Fortunato

 

COM. Mo, caro paron Fortunato, sé omo, savé còssa che ste còsse.

FOR. à suso, no e so mai stao à suso. Cancelaìa, mai stao Cancelaìa.

COM. No ghe sé mai stà in Cancelarìa?

FOR. Sió no, sió no, so mai stao.

COM. Un'altra volta, no diré più cusì.

FOR. E pe còssa gh'ha a andà mia muggière?

COM. Per esaminarse.

FOR. E cugnae anca?

COM. Anca ele.

FOR. Anca e putte ha andare? E putte, anca e putte?

COM. No vàle co so sorela maridada? Còssa gh'àle paura?

FOR. E pianze, e ha paura, no le vuò andare.

COM. Se no le gh'anderà, sarà pèzo per ele. Mi ho fatto el mio dèbito. Farò la riferta, che sé citai, e penséghe . (parte)

FOR. Bisogna andare, bisogna: bisogna andare, muggière; muggière, méttite el ninzoètto, muggière. Cugnà Orsetta, e ninzoètto. Cugnà Checca, e ninzoètto. (forte verso la scena) Bisogna andare, bisogna, bisogna andare. Maledio e baruffe, i baroni furbazzi. Via pètto, trighève, còssa féu? Donne, fèmene, maledìo, pètto. Ve végnio a petubare, ve végnio a petubare. (entra in casa)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License