Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO SECONDO

Scena Decima. Pasqua, Lucietta, Libera, Orsetta, Checca, tutte in «ninzoletto», Paron Fortunato, ed il suddetto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Pasqua, Lucietta, Libera, Orsetta, Checca, tutte in «ninzoletto», Paron Fortunato, ed il suddetto

 

CHE. Dove sèmio?

ORS. Dove andèmio?

LIB. Oh poveretta ! No ghe so mai vegnùa in sto liógo.

FOR. (saluta paron Vic.) Paró Izènzo, siorìa, paró Izènzo.

VIC. (salutandolo) Paron Fortunato.

LUC. Me trema le gambe, me trema.

PAS. E ? Oh che spàsemo che me sènto!

FOR. (a Vicenzo) Doe xélo e sió Canceliere?

VIC. Nol ghe ; el a Venezia el sior Canceliere. Ve vegnirà a esaminare el sió Cogitore.

LIB. (a Orsetta urtandola, facendo vedere che lo conoscono molto) (Oe, el Cogitore!)

ORS. (a Checca urtandola e ridendo) (Oe, quel lustrissimo inspiritào.)

PAS. (a Lucietta con piacere) (Àstu sentìo? Ne esaminerà el Cogitore).

LUC. (a Pasqua) (Oh! gh'ho da caro. Almanco lo cognossèmo.)

PAS. (a Lucietta) (Sì, el bonazzo.)

LUC. (a Pasqua) (V'arecordéu che l'ha comprà da sie brazza de merlo da trenta soldi, e el ne l'ha pagà tre lire?)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License