Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO SECONDO

Scena Undicesima. Isidoro e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Isidoro e detti

 

ISI. Cossa féu qua.

TUTTE LE DONNE. Lustrissimo, lustrissimo.

ISI. Cossa voléu? Che ve esamina tutti in t'una volta? Andé in sala, aspetté; ve chiamerò una a la volta.

PAS. Prima .

LUC. Prima .

ORS. Sémo vegnùe prima .

ISI. no fazzo torso a nissùn: ve chiamerò per órdene, come che troverò i nomi scritti in processo. Checca la prima. Che Checca resta, e vu altre andé fore.

PAS. Mo za, segùro; la zovenetta. (parte)

LUC. No basta miga; bisogna essere fortunàe. (parte)

ISI. (da sé) (Gran donne! Le vól dir certo, le vól dir, se le credesse de dir la verità.)

FOR. Andèmo fuòa, andèmo fuòa, andèmo.

ORS. Oe, sió Cogitore, no la ne fazza star qua tre ore, che gh'avèmo da fare, gh'avèmo. (parte)

ISI Sì, sì, ve destrigherò presto.

LIB. (ad Isidoro) Oe, ghe la raccomando, salo? El varda ben che la una povera innocente.

ISI. In sti loghi no ghe pericolo de ste còsse.

LIB. (da sé) (El tanto ingalbanìo, che me fido puoco.) (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License