Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO SECONDO

Scena Dodicesima. Isidoro e Checca, poi il Comandadore

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Isidoro e Checca, poi il Comandadore

 

ISI. Vegni qua, fia, sentéve qua. (siede)

CHE. Eh! sior no, stago ben in pie.

ISI. Sentéve, no ve vòggio veder in pie.

CHE. Quel che la comanda. (siede)

ISI. Cossa gh'avéu nome?

CHE. Gh'ho nome Checca.

ISI. El cognome?

CHE. Schiantìna. I

SI. Gh'avéu nissun soranòme?

CHE. Oh giusto, soranòme!

ISI. No i ve dise Puinetta?

CHE. (s'ingrugna) Oh! certo, anca elo me vôl minchionare.

ISI. Via se sé bella, sié anca bona. Respondéme. Savéu per còssa che sié chiamada qua a esaminarve?

CHE. Sior sì, per una baruffa.

ISI. Contéme come che la stada.

CHE. no so gnente, che no ghe giera. Andava a ca co mia sorela Libera, e co mia sorela Orsetta, e co mio cugnà Fortunato; e ghe giera paron Toni, e Beppo Cospettoni, e Titta-Nane, che i ghe voleva dare a Tòffolo Marmottina, e elo ghe trava de le pieràe.

ISI. Per còssa mo ghe voléveli dar a Toffolo Marmottina?

CHE. Perché Titta-Nane fa l'amore co Lucietta Panchiana, e Marmottina ghe andào a parlare, e el gh'ha pagào la zucca barucca.

ISI. Ben; ho capìo, baste cusì. Quanti anni gh'avéu?

CHE. El vuol saver anca i anni?

ISI. Siora sì; tutti chi se esamina, ha da dir i so anni; e in fondo de l'esame se scrive i anni. E cusì, quanti ghe n'avéu?

CHE. Oh! mi no me li scondo i mi anni. Disisette fenìi.

ISI. Zuré d'aver dito la verità.

CHE. De còssa?

ISI. Zuré, che tutto quel che avé dito nel vostro esame, la verità.

CHE. Sior sì; zuro che ho dito la verità.

ISI. El vostro esame finlo.

CHE. Posso andar via donca?

ISI. No, ferméve un pochetto. Come stéu de morosi!

CHE. Oh! , no ghe n'ho morosi.

ISI. No disé busìe.

CHE. Òggio da zurare?

ISI. No, adesso no avè più da zurar; ma le busie no sta ben a dirle. Quanti morosi gh'avéu?

CHE. Oh ! nissun me vuol, perchè son poveretta.

ISI. Voléu, che ve fazza aver una dota?

CHE. Magàri!

ISI. Se gh'avessi la dota, ve marideressi?

CHE. sì, , che me mariderìa.

ISI. Gh'avéu nissun per le man?

CHE. Chi vôrlo che gh'abbia?

ISI. Gh'avéu nissun che ve vaga a genio?

CHE. El me fa vergognare.

ISI. No ve vergogné, semo soli; parléme con libertà.

CHE. Titta-Nane, se lo podesse avere, lo chioràve.

ISI. No xélo el moroso de Lucietta?

CHE. El la gh'ha licenzià.

ISI. Se el l'ha licenziada, podemo veder, se el ve volesse.

CHE. De quanto saràla la dota?

ISI. De cinquanta ducati.

CHE. Oh siorsì! Cento me ne mio cugnà. Altri cinquanta me ne ho messi da banda col mio balon. Mi credo che Lucietta no ghe ne daghe tanti.

ISI. Voléu che ghe fazza parlar a Titta-Nane?

CHE. Magàri, lustrissimo!

ISI. Dove xélo?

CHE. El retirà.

ISI. Dove?

CHE. Ghel dirò in t'una recchia, che no vorìa che qualcun me sentisse. (gli parla all'orecchia)

ISI. Ho inteso. Lo manderò a chiamar. Ghe parlero , e lassé far a mi. Andé, putta, andé, che no i diga.... se me capì! (suona il campanello)

CHE. Uh! caro lustrissimo benedetto

COM. La comandi.

ISI. Che vegna Orsetta.

COM. Subito.

ISI. Ve saverò dir, ve vegnirò a trovar.

CHE. (s'alza) I ustrìssimo, sì. (da sé) (Magàri, che ghe la fasse veder a Lucietta! magari!)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License