Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO SECONDO

Scena Tredicesima. Orsetta, e detti, poi il Comandadore

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Orsetta, e detti, poi il Comandadore

 

ORS. (piano a Checca) (Tanto ti stada? Còssa t'àlo esaminà?)

CHE. (a Orsetta) (Oh sorela! Che bel esame che ho fatto! Te conterò tutto). (parte)

ISI. Vegnì qua, sentéve.

ORS. Sior sì (siede con franchezza).

ISI. (da sé) (Oh la più franca, custia!) Còssa gh'avéu nome ?

ORS. Orsetta Schiantina.

ISI. Detta?

ORS. Còss'è sto detta?

ISI. Gh'avéu soranóme?

ORS. Che soranòme vôrlo che gh'abbia?

ISI. No ve dìseli de soranóme, Meggiotto?

ORS. In veritàe, lustrìssimo, che se no fusse dove che son, ghe voràve pettenare quela perucca.

ISI. Oe! parlé con rispetto.

ORS. Còssa sto Meggiotto? I meggiòtti a Chióza fatti col semolèi, e co la farina zala; e mi no son né zala, né del color dei meggiòtti.

ISI. Via, no ve scaldé, patrona, che questo no logo da far ste scene. Respondéme a . Savéu la cause per la qual sé vegnùa a esaminarve?

ORS. Sior no.

ISI. Ve lo podéu immaginar?

ORS. Sior no.

ISI. Savéu gnente de una certa baruffa?

ORS. So, e no so.

ISI. Via, contéme quel che savé.

ORS. Che el m'interoga, che responderò,

ISI. (da sé) (Custia de quele, che fa deventar matti i poveri Cogitori). Cognosséu Tòffolo Zavatta?

ORS. Sior no.

ISI.Tòffolo Marmottina?

ORS. Sior sì.

ISI.Savéu, che nissùn ghe volesse dar?

ORS. no posso saver che intenzion che gh'abbia la zente.

ISI. (da sé) (Oh che drétta!) Avéu visto nissùn con de le arme contra de elo?

ORS. Sior sì.

ISI. Chi giérili?

ORS. No m'arecordo.

ISI. Se i nominerò, ve i arecorderéu?

ORS. Se la i nominerà, ghe responderò.

ISI. (da sé) (Siéstu maladétta! La me vuol far star qua fin stasera). Ghe giéra Titta-Nane Moletto?

ORS. Sior sì.

ISI. Ghe giéra paron Toni Canestro?

ORS. Sior sì.

ISI. Ghe giera Beppo Cospettoni?

ORS. Sior sì.

ISI. Brava, siora Meggiòtto

ORS. El diga: gh'àlo nissùn soranome, elo?

ISI. (scrivendo) Via, via, manco chiàccole.

ORS. Oh! ghe lo metterò mi: El sior Cogitore giazzào.

ISI. Tòffolo Marmottina àlo tratto de le pieràe?

ORS. Sior sì, el ghe n'ha tratto. (da sé) (Magari in te la del Cogitore!)

ISI. Còssa diséu?

ORS. Gnente, parlo da mia posta. No posso gnanca parlare?

ISI. Per còssa nato sta contesa?

ORS. Còssa vôrlo che sappia?

ISI. (da sé) (Oh, son debòtto stuffo!) Savéu gnente, che Titta-Nane gh'avesse zelusìa de Tòffolo Marmottina?

ORS. Sior si; per Lucietta Panchiana.

ISI. Savéu gnente, che Titta-Nane abbia licenzià Lucietta Panchiana?

ORS. Sior sì; ho sentìo a dir, che el la gh'ha licenzià.

ISI. (da sé) (Checca ha dito la verità. Vederò de farghe sto ben). Oh! via, debòttodestrigada. Quanti anni gh'avéu?

ORS. Oh ca de dia! anca i anni el vuol savere?

ISI. Siorasì, anca i anni.

ORS. El li ha da scrivere?

ISI. I ho da scrìver!

ORS. Ben; che el scriva disnove.

ISI. (scrive) Zuré, d'aver dito la verità.

ORS. Ho da zurare?

ISI. Zuré d'aver dito la verità.

ORS. Ghe dirò: ho da zurare, veramente ghe n'ho ventiquattro.

ISI. no ve digo che zuré de i anni, che a vu altre donne sto zuramento nol se pól dar. Ve digo, che zuré, che quel che avé dito in te l'esame, la verità.

ORS. Oh, sior sì, zuro.

ISI. (suona il campanello).

COM. Chi vôrla?

ISI. Donna Libera.

COM. La servo. (parte)

ORS. (da se') (Varé. Anca i anni se gh'ha da dire!) (s'alza)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License