Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO SECONDO

Scena Quattordicesima. Donna Libera e detti, poi il Comandadore

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Donna Libera e detti, poi il Comandadore

 

LIB. (ad Orsetta) (T'àstu destrigà?)

ORS. (a Libera) (Oe, sent). Anca i anni che se gh'ha, el vuòl savére),

LIB. (Bùrlistu?)

ORS. (a Libera) (E bisogna zurare). (parte)

LIB. (da sé) (Varé che sughi! s'ha da dire i so anni, e s'ha da zurare? So ben quel che farò mi. Oh! i mìi anni no i vòggio dire, e no vòggio zurare).

ISI. O via, vegnì qua, sentéve.

LIB. (non risponde).

ISI. Oe, digo, vegnì qua, sentéve. (facendole cenno che si sieda)

LIB. (va a sedere).

ISI. Chi séu?

LIB. (non risponde).

ISI. (urtandola) Respondé, chi séu.

LIB. Sior?

ISI. Chi séu?

LIB. Còssa dixela?

ISI. (forte) Séu sorda?

LIB. Ghe sento puoco.

ISI. (da sé) (Stago frésco). Còssa gh'avéu nome?

LIB. Piase?

ISI. El vostro nome.

LIB. La diga un poco più forte.

ISI. Eh! che no vòggio deventar matto. (suona il campanello)

COM. La comandi.

ISI. Che vegna dentro quel'omo.

COM. Subito. (tarte)

ISI. (a Libera) Andé a bon viazo.

LIB. Sior?

ISI. (spingendola perché se ne vada) Andé via de qua.

LIB. (da sé) (Oh! l'ho scapolada pulito. I fatti mi, no ghe li vòggio dire).

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License