Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Ottava. Isidoro, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Isidoro, e detti

 

LUC. (vedendo Isidoro) (Uh!)

ISI. Chi è, che me favorisse?

ORS. (accennando Lucietta! Vèla , lustrissimo. no so gnente.

LUC. Còssa vôrli da i nostri òmeni? Còssa ghe vôrli fare?

ISI. Gnente; che i vegna con , e che no i gh'abbia paura de gnente. Son galantomo. Me son impegnà de giustarla, e sior Cancelier se remette in . Andé, paron Vicenzo, andé a cercar Marmottina, e de tutto per menarlo da mi; e se nol vól vegnir per amor, diséghe, che lo farò vegnir per forza.

VIC Sior sì; so qua co se tratta de far del ben. Vago subito. Beppo, paron Toni, vegnì co mi che v'ho da parlare.

TON. So co , compare. Co so co , so seguro. (parte)

TIT. (da sé) (Oe, no me slontàno dal Cogitore).

BEP. Orsetta, a revèderse.

ORS. (a Beppo) Xèstu in còlera?

BEP. Via, che cade? A monte, a monte. Se parlerèmo. (parte con paron Toni e paron Vicenzo)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License