Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Nona. Isidoro, Checca, Lucietta, Pasqua e Titta-Nane (pił Orsetta e Libera)

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Nona. Isidoro, Checca, Lucietta, Pasqua e Titta-Nane (più Orsetta e Libera)

 

CHE. (a Isidoro, piano) (La diga, lustrissimo?)

ISI. (a Checca, piano) (Còss'è, fia?)

CHE. (Gh'àlo parlà?)

ISI. (Gh'ho parlà).

CHE. (Còss àlo dito?)

ISI. (Per dirvela, no'l m'ha dito né sì, né no. Ma me par che i dusento ducati no ghe despiasa).

CHE. (Me raccomando).

ISI. (Lassé far a mi). Via andémo, Titta-Nane.

TIT. (in atto di partire) So qua con ela.

LUC. (a Titta) Gnanca, patron? Gnanca un strazzo de saludo?

PAS. (a Titta) Che creanza gh'avéu?

TIT. (con disprezzo) Patróne.

ISI (a Titta) Via, saludé Checchina.

TIT. (con buona grazia) Bela putta, ve saludo. (Lucietta smania)

CHE. Siorìa, Titta-Nane.

TIT. (da sé) (Gh'ho gusto, che la magna l'agio Lucietta, gh'ho gusto; me vòggio refare). (parte)

ISI. (da sé) (Anca questo per un divertimento). (parte)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License