Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Decima. Lucietta, Orsetta, Checca, Pasqua e Libera

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Lucietta, Orsetta, Checca, Pasqua e Libera

 

LUC. (a Pasqua) (Avéu sentìo còssa che el gh'ha dito? Bela putta el gh'ha dito).

PAS. (a Lucietta) (Mo via còssa vùstu andar a pensare?)

LUC. (caricandola forte, che sentano) E ela? Siorla Titta-Nane, siorìa Titta-Nane.

CHE. Coss'è, siora, me burléu?

ORS. Dighe, che la se varda ela.

I. IB. Che la gh'ha el so bel da vardare.

LUC. ? Oh! de mi ghe puoco da dire: che cattive azion mi no ghe ne so fare.

PAS. (a Lucietta) Via, tasi, no te n'impazzare. No sàstu, chi le ? Tasi.

CHE. Còssa sèmio?

ORS. (a Libera) Còssa voressi dire?

LIB. (a Orsetta) Via; chi ha più giudizio, el dòpera.

LUC. Oh la savia Sibìla! Le putte, che gh'ha giudizio, parona, le lassa star i novizzi, e no le va a robare i morosi.

ORS. A cossa ve robèmio?

LUC. Titta-Nane mio novizzo.

CHE. Titta-Nane v'ha licenzià.

PAS. No vero gnente.

LIB. Tutta la contrà l'ha sentìo.

PAS. Via, che sé una pettegola.

ORS. Tasé , donna stramba.

LUC. Sentì, che sbrenà!

LTB. (con ironia e collera) Sentì, che bela putta!

LUC. Mèggio de to sorela.

CHE. No ti gnanca degna de minzonarme.

LUC. Povera spórca!

ORS. Come pàrlistu! (s'avanzano in zuffa).

PAS. Voléu ziogare, che ve petuffo?

LIB. Chi?

O RS. Mare de diana! che te sflazelo, vara.

LUC. Oh, che giandussa!

ORS. (le sulfa mano) Parla ben, parla.

LUC. (alza le mani per dare) Oe!

LIB. (spingendo Pasqua) Tìrete in , oe!

PAS. (spingendo Libera) Còss'è sto spenze?

ORS. Oe, oe! (si mette a dare, e tutte si dànno, gridando)

TUTTE. Oe, oe!

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License