Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Dodicesima. Isidoro e Titta-Nane

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Dodicesima. Isidoro e Titta-Nane

 

Camera in una casa parlicolare.

 

ISI. Vegnì co mi, non abbié suggizion, qua no semo a Palazzo, qua no semo in Cancelaria. Semo in casa de un galantuomo, de un Venezian, che vien a Chioza do volte a l'anno, e co nol ghe elo, el me lassa le chiave a ; e adesso de sta casa son paron mi, e qua s'ha da far sta pase, e s'ha da giustar tutti i pettegolezzi, perché mi son amigo d'i amici, e a vu altri Chiozotti ve vòggio ben.

TIT. Pe so grazia, sió Cogitore.

ISI. Vegnì qua, che semo soli...

TIT Dove xéli sti altri?

ISI. Paron Vicenzo andà a cercar Marmottina, e el vegnirà quà, che el sa dove che l'ha da vegnir. Paron Toni l'ho mandà da in Cancelaria a chiamar el mio servitor, perchè vói che sigilemo sta pase con un pèr de fiaschetti. E Beppo, co v'ho da dir la verità, el andà a chiamar donna Libera e paron Fortunato.

TIT. E se Marmottina no volesse vegnire?

ISI. Se no'l vorà vegnir, lo farò porter. Orsù che semo soli, respondéme a tòn sul proposito, che v'ho parlà. Checchina ve piàsela? La voléu?

TIT. Co gh'ho da dire la giusta veritàe, la me piase puoco, e fazzo conto de no la volere.

ISI. Come! No m'avé miga dito cusì stamattina.

TIT. Còssa gh'òggio dito?

ISI. M'avé dito: no so, son mézo impegnà. M'avé dòmandà, còssa la gh'ha de dote. v'ho anca dito, che la gh'aveva dusento e passa ducati. M'ha parso, che la dote ve còmoda; mtha parve, che la putta ve piàsa. Còssa me scambiéu adesso le carte in man?

TiT. Lustrìssimo, no ghe scambio gnente, lustrissimo. La abbia da saére, che a Lucietta, lustrìssimo, do anni, che ghe fazzo l'amore, e me son instizzào, e ho fatto quel che ho fatto per zelusìa, e per amore, e la gh'ho licenzià. Ma la gh'abbia da satre, lustrìssimo, che a Lucietta ghe vòggio ben, ghe vòggio; e co un omo instizzào, nol sa ch'a se dighe. Stamattina Lucietta l'averàve mazzà, e un puoco gh'ho volèsto dare martelo; ma co ghe pènso, mare de diana! lustrìssimo, no la posso lassare; e ghe vòggio ben, ghe vòggio. La m'ha affrontào; la gh'ho licenzià: ma me schioppa el cuor.

ISI. Oh bela da galantuomo! E ho mandà a chiamar donna Libera, e paron Fortunato, per parlarghe de sto negozio, e domandarghe Checca per vu.

TIT. (Con dispiacere) Grazie, lustrìssimo.

ISI. No la volé donca?

TIT. (come sopra). Grazie a la so bontàe.

ISI Si? o no?

TIT. Co bo respetto: mi no. lustrìssimo.

ISI. Andéve a far squartar, che no me n'importa.

TIT. Comuòdo pàrlela, lustrissimo? So pover'omo, so un povero pescaóre; ma so galantomo, lustrissimo.

ISI. Me despiase, perché gh'averave gusto de maridar quela putta.

TIT. Lustrissimo, la me compatissa, se no ghe fasse affronto, ghe voràve dire do parole, ghe voràve dire.

ISI. Disé pur: còssa mo voressi dir?

TIT. Caro lustrìssimo, la prego, no la se n'abbia per male.

ISI. No, no me n'averò per mal. (da sé) (Son curioso de sentir, còssa che el gh'ha in testa de dirme.)

TIT Mi parlo co tutto e respetto. Baso dove che zappa e sió Cogitore; ma se m'avesse da maridare, no vorìa che un lustrissimo gh'avesse tanta premura per mia muggièr.

ISI Oh che caro Titta-Nane! Ti me fa da rider, da galantomo. Per cossa crédistu che gh'abbia sta premura per quela putta?

TIT. (ironico) Che cade? Affin de ben, affin de ben, che cade?

ISI. Son un zóvene onesto, e non son capace...

TIT. Eh via, che cade?

ISI. (da sé) (Oh che galiotto!)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License