Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Sedicesima. Lucietta, Orsetta e Donna Pasqua

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sedicesima. Lucietta, Orsetta e Donna Pasqua

 

Strada con casa, come altre volte.

 

LUC. Còss'è? No ti vól più mio fradelo? No ti gnanca degna d'averlo.

ORS. Oh! ghe vuol puoco a trovare de meggio.

LUC. Chi troverastu?

ORS. Rulo.

LUC. Ghe mancheràve puoco, che no te fasse la rima.

ORS. No se salo, che ti una sboccà?

LUC. Sì se fusse co fa .

ORS. Tasi se, che son una putta da ben.

LUC. Se tale ti fussi, tale ti operaressi.

ORS. Via sussurante.

LUC. Cattabaruffe.

PAS. (di dentro chiamandola forte) Lucietta, vien drento, Lucietta.

LUC. gh'anderà, via, ve', de sta contrà

ORS. Chi?

LUC. Ti.

PAS. (di dentro) Lucietta.

ORS. Chiò, vara. (si batte nel gomito)

LUC. Va al turo. (si ritira)

ORS. Povera spórca! Con chi crédistu aver da fare? Mi sì, che me mariderò; ma ? No ti troverà nissun che te vòggia. Uh! quel povero desgrazià che te voleva, el stava fresco; el giera conzà co le ceolette. No'l te vol più, ve'. Titta-Nane, no, ve', no'l te vól più, ve'.

LUC. (torna al balcone). no me n'importa, che anca se el me volesse, no lo vòggio.

ORS. La volpe no vuol cerièse.

LUC. Sì, sì, el sposerà quela sporca de to sorela.

ORS. Oe, parla ben

PAS. (di dentro) Lucietta.

LUC. A , se ghe ne vòggio, no me n'amanca.

ORS. Eh! lo so, che ti gh'ha el protettore.

LUC. Tasi sa, che te farò desdire.

PAS. (di dentro) Lucietta, Lucietta.

ORS. (burlandosi di Lucietta) Oh che paura!

LUC. Te farò vegnire l'angóssa.

ORS. Maramèo, squaquarà, maramèo.

LUC. Vago via, perché no me degno. (si ritira)

ORS. Va via, va via, no te far smattare. (si ritira)

LUC. (torna chiamandola col suo sopranome) Meggiòtto.

ORS. (torna e fa lo stesso) Panchiana.

LUC. Tuffe. (si ritira)

ORS. Malagrazia. (si ritira)

LUC. (torna, e le dice con ironia e disprezzo) Mo che bela zòggia!

ORS. (torna e le dice con ironia e disprezzo) Mo che boccoletto da riòsa!

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License