Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Diciassettesima. Titta-Nane, poi Toni e Beppo, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciassettesima. Titta-Nane, poi Toni e Beppo, e detti

 

TIT. (a Lucietta) Còss'è? còssa àstu dito dei fatti mìi?

LUC. Va in malora. Va a parlare con Checca. (parte)

ORS. (a Titta) No ghe tendé, che la una matta.

TON. (a Orsetta) Che muodo questo de strapazzare?

ORS. (a Toni) Via, che sé tutta zente cattiva.

BEP. Orsetta, Orsetta?

ORS. Vatte a far squartare. (parte)

TON. (a Titta) E no stare più a vegnire per casa, che no te vòggio.

BEP. (a Titta) E no bazzegare qua oltra, che no te volèmo.

TIT. Giusto, mo per questo, mo ghe vòggio vegnire.

BEP. Se a Marmottina ghe l'ho promettue, a , mare de diana, te le darò, vara. (entra in casa).

TIT. (fa un atto di disprezzo) Chiò sto canelào.

TON. In tartana da no ghe stare a vegnire; provédite de paron, che me provederò de omo. (entra in casa)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License