Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Diciannovesima. Isidoro e Toffolo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciannovesima. Isidoro e Toffolo

 

ISI. (da sé) ( so, cossa ghe vorìa per giustarli. Un pezzo de legno ghe vorìa. Ma averàve perso el divertimento.) Vien qua, Tòffolo.

TOF. Tìssimo.

ISI. Vùstu che parlemo a sta putta, e che vedemo se se pol concluder sto maridozzo?

TOF. Magari, lustrissimo! Ma bisogna parlare con donna Libera so sorela, e co so cugnà paró Fortunato.

ISI. Saràli in casa, sta zente?

TOF. No so, lustrìssimo. Adesso, se la vuò che chiame?...

ISI. Andémo drento piuttosto.

TOF. Mi in no ghe posso vegnire.

ISI. Perché no ghe pùstu vegnir?

TOF. A Chióza, lustrissimo, un putto donzelo nol ghe può andare, dove ghe de le putte da maridare.

ISI. E pur so che tra vu altri se fa continuamente l'amor.

TOF. In strà, lustrìssimo, se fa l'amore; e po la se fa domandare; e co la s'ha domandà, se po andare.

ISI. Chiamémole in strada donca.

TOF. Olà, paró Fortunato, ghe séu? Donna Libera, olà.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License