Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Ventesima. Donna Libera e detti, poi Paron Fortunato

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ventesima. Donna Libera e detti, poi Paron Fortunato

 

ISI. (da sé) (Eh! co sta sorda no me ne voggio impazzar).

LIB. Cosstè? Cossa vùstu?

TOF. Qua, e sió Cogitore

LIB. Lustrissimo, còssa comàndelo?

ISI. Com'éla? No sé più sorda?

LIB. Oh! lustrissimo, no. Gh'aveva una flussion. So varìa.

ISI. Cusì presto?

LIB. Da un momento a l'altro.

ISI. Anca sì, che giéri deventada sorda, per no dir...

FOR. (a Isidoro) Tissimo.

ISI. Ho gusto che sia qua anca compare Burataora. Son qua per dirve, se marideressi Checchina.

LIB. Magàri, lustrìssimo! Me la destrigheria volentiera.

FOR. , utissimo, gh'ho promesso cento ducati.

LIB. E altri cinquanta ghe li averemo sunai.

ISI E mi ghe farò aver una grazia de altri cinquanta.

LIB. Sièlo benedetto! Gh'àlo qualche partìo?

ISI. (accenna Toffolo) Vardé: ve piàselo quel partìo?

FOR. Tòffao? Tòffao? Cattabaùffe, cattabaùffe.

TOF. Mi no dago impazzo a nissun, co i me lassa stare...

LIB. Con un puo' de battelo, come l'àla da mantegnire?

TOF. No metteròggio suso peòta, no metteròggio?

LIB. E dove la meneràstu, se no ti gh'ha né tétto, né ?

FOR. La ùstu menare i battelo la novizza a dormire?

TOF. Ve podé tegnire i cento ducati, ve podé tegnire; e farme le spese a mi, e a mia muggière.

ISI. Sì ben; nol dise mal, el gh'ha più giudizio che no credeva. Podé per qualche tempo tegnirlo in casa.

LIB. Mo per quanto, lustrissimo?

ISI. A conto de sti cento ducati, per quanto voréssistu, che i te fasse le spese?

TOF. No so; almanco sie ani.

FOR. Pùffeta! puffeta! sie ani? Puffeta!

ISI. Ti voressi ben spender poco.

TOF. Che la fazza ela, lustrissimo.

ISI. (a Libera) Via, per un ano ve còmoda?

LIB. (a Fortunato) Cossa diséu, paron?

FOR. (a Libera) , parona; parona, , parona.

TOF. Mi stago a tutto, lustrissimo.

ISI. (a Libera) Chiamé la putta. Sentimo còssa che la disc.

LIB. Oe, Checca.

FOR. (chiama forte) Checca, Checca.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License