Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Ventunesima. Checca e detti, poi Orsetta, poi Lucietta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ventunesima. Checca e detti, poi Orsetta, poi Lucietta

 

CBE. So qua; còssa voléu?

LIB. No ti se?

CHE. Eh! ho sentìo tutto.

FOR. Bava! é a pionare, bava!

ISI. (a Checca) E cusì, còssa diséu?

CHE. (a Isidoro) La senta una parola.

ISI. Son qua.

CHE. (a Isidoro) (De Titta-Nane no ghe speranza?)

ISI. (a Checca) (El m'ha dito un de no tanto fatto.)

TOF. (da sé, con sdegno) (Anca in rècchia el ghe parla?)

CHE. (a Isidoro) (Mo per còssa?)

ISI. (a Checca) (Perché el innamorà de Lucietta.)

TOF. Lustrìssimo sió Cogitore.

ISI. Cossa gh'é?

TOF. Voràve sentire anca , voràve.

ISI. (a Checca) Via, destrighéve. Lo voléu, o no lo voléu?

CBE. (a Libera) Còssa diséu, sorela? (a Fortunato) Còssa diséu, cugnà?

LIB. (a Checca) Cossa dìstu ti? Lo vùstu?

CHE. Perché no?

TOF. (giubilando) Oh cara, la me vuole, oh cara!

ISI. Fioli, Co gh'intro in te le còsse, no vòggio brui longhi. Destrighémose, e maridéve.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License