Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Ventiduesima. Orsetta, e detti (poi Beppo)

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ventiduesima. Orsetta, e detti (poi Beppo)

 

ORS. Comuòdo? Checca s'ha da maridare avanti de ? che tre anni che so in donzelon, no m'averò gnancora da maridare; e custìa, che la minore, s'ha da sposare avanti de la maggiore?

FOR. Sì , sì , e gh'ha rasòn, sì .

CHE. Gh'àstu invidia? Marìdete. Chi te tien che no ti te marìdi?

FOR. Siò sì, siò sì, marìdete, se ti te vuò maridare.

LIB. (a Orsetta) Ti lo gh'avevi el novizzo. Per còssa lo xèstu andà a desgustare?

FOR. (a Orsetta) Ah! per còssa?

ISI. (a Libera) No giérelo Beppo el so novizzo?

LIB. Sior sì, Beppo.

FOR. Beppo.

ISI. Aspetté (alla sua casa) Beppo ghe xélo in casa?

BEP. So qua, lustrissimo.

ISI. Per còssa seu andà in còlera con Orsetta?

BEP. , lustrìssimo? L'è stada ela che m'ha strapazzào, l'è stada ela che m'ha descazzào.

ISI. (a Orsetta) Sentìu, siora?

ORS. No sàla, che la còlera orba, che no se sa de le volte quel che se diga!

ISI. (a Beppo) Sentìu? No la più in còlera.

BEP. Anca son uno, che presto me la lasso passare.

ISI. Via donca: la giustada. (a Orsetta) Se no volé che Checca se marida prima de , e déghe la man a Beppo avanti de ela.

ORS. (a Libera) Còssa diséu, sorela?

LIB. A ti me domandi?

FOR. (eccita con allegria Orsetta a maritarsi) Fala bela, Orsetta. Fala bela, fala bela.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License