Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Ventitreesima. Lucietta e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ventitreesima. Lucietta e detti

 

LUC. (a Beppo) Come, puoco de bon! sior omo senza reputazion, averessi tanto ardire de sposare culìa che n'ha strapazzà?

ISI. (da sé) (Mèggio, da galantomo!)

ORS. (a Lucietta con collera) Còssa sta culía?

LIB. Oe, no se femo in vìssere.

FOR. Olà; olà, olà.

BEP. no so còssa dire, no so còssa fare, me vói maridare.

LUC. prima m'ho da maridare; e fin che ghe so in , altre cugnà no ghe n'ha da vegnire.

ISI. (a Beppo) Mo perchè no la maridéu?

BEP. Perché Titta-Nane la gh'ha licenzià.

ISI. Va , Tòffolo; va in piazza sotto el pòrtego dal barbier; dighe a paron Vicenzo, che el vegna qua, e che el mena qua Titta-Nane, e che i vegna subito.

TOF. Tìssimo sì. Checca, vegno ve', vegno.

LUC. (da se') (Co Checca novizza co Marmottina, mi de Titta-Nane no gh'ho più zelusìa).

ISI. Ghe caso, donne, donne, che no digo altro, che voggié far pase, che voggié tornar a esser amighe?

LUC. Se ele no gh'ha gnente co , no gh'ho gnente co ele.

ISI. (a Libera, Orsetta e Checca) Cossa diséu?

ORS. da a no gh'è altro.

LIB. ? Co no son tirada per i cavéi, no parlo mai co nissun.

ISI. E , Checca?

CHE. De diana! A me piase stare in pase co tutti.

ISI. Via donca pacifichéve, baséve.

ORS. , sì.

LUC. So qua.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License