Carlo Goldoni
Le baruffe chiozzotte

ATTO TERZO

Scena Ultima. Paron Vicenzo, Titta-Nane, Toffolo e detti; poi Servitore.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ultima. Paron Vicenzo, Titta-Nane, Toffolo e detti; poi Servitore.

 

VIC. Sèmo qua, lustrìssimo.

ISI. Oh! vegni qua. Titta-Nane, adesso el tempo, che mi ve fazza cognosser, se ve vói ben, e che vu cognosser che sé omo.

VIC. Gh'ho tanto dito anca mi a Titta-Nane, che el me par mèzo a segno; e gh'ho speranza, che el farà tutto quelo che vuol el lustrissimo sió Cogitore.

ISI. Via donca, mandé a monte tutto. Torné amigo de tutti, e disponéve a sposar Lucietta.

TIT. Mi, lustrissimo? No la sposo, gnanca se i me picche.

ISI. Oh bela!

LUC. (da sé) (Mo no xéle còsse da pestarlo co fa el baccalà!)

PAS. (a Titta) Oe, senti: se ti credessi che t'avesse da toccar Checca, vara ve': la s'ha da sposare co Tòffolo.

FOR E mi cento ucati e dago.

TIT. Mi no ghe ne penso; che la se spose con chi la vuole.

ISI. (a Titta) E perché no voléu più Lucietta?

TIT. Perché la m'ha dito: va in malora, la m'ha dito.

LUC. Oh, vara ve'! E a mi còssa no m'àstu dito?

ISI. Orsù, chi vól, vól, e chi no vól, so danno. Vu altri a bon conto, Checca e Tòffolo, déve la man.

TOF So qua.

CHE. So qua anca .

ORS. Sior no, fermève, che m'ho da maridar prima .

ISI. Animo, Beppo, da bravo.

BEP. Oe, no me farò pregare.

LUC. (a Beppo) Sior no, se no me marido , no ti t'ha da maridar gnanca ti.

PAS E la gh'ha rasón Lucietta.

TON. E còssa sòggio? no gh'ho da intrare? A no s'ha da parlare? Voléu che ve lo diga? Andé al diavolo quanti che sé, che son stuffo. (in atto di partire)

CHE. (a Isidoro) Via, che no'l vaga.

FOR. (a Isidoro) Tissimo.

ORS. (a Isidoro) Che el se ferma.

FOR. (a Isidoro fermandolo) Tissimo.

LIB. (a Isidoro) Che el gh'abbia pazenzia.

ISI. (a Lucietta) Per causa vostra tutti i altri torà de mèzo.

LUC. Via, lustrissimo, che no'l me mortifica più davantazo. Per cause mia no vòggio che toga de mezo nissùn. Se son la cattiva, sarò mi la desfortunà. No'l me vuol Titta-Nane? pazenzia. Còssa gh'òggio fatto? se ho dito qualcòssa, el m'ha dito de pèzo elo. Ma ghe vòggio ben e gh'ho perdonà; e se elo no me vol perdonare, segno che no'l me vôl ben. (piange)

PAS. (con passione) Lucietta.

ORS. (a Titta-Nane) Oe, la pianze.

LIB. (a Titta-Nane) La pianze.

CHE. (a Titta-Nane) La me fa peccao.

TIT. (da sé) (Maledio! Se no me vergognasse!)

LIB. (a Titta-Nane) Mo via, pussibile che gh'abbié sto cuor? Poverazza! Vardé, se no la farave muover i sassi.

TIT. (a Lucietta rusticamente) Còssa gh'àstu?

LUC. (piangendo) Gnente.

TIT. (a Lucietta) Via, animo.

LUC. Còssa vùstu?

TIT. Coss'è sto fiffare?

LUC. (a Titta-Nane con passione) Can, sassìn.

TIT. (con imperio) Tasi.

LUC. Ti me vuol lassare?

TIT. Me faràstu più desperare?

LUC. No.

TIT. Me voràstu ben?

LUC. Sì.

TIT. Paron Toni, donna Pasqua, lustrìssimo, co bona licenzia. (a Lucietta) Dàme la man!

LUC. (gli la mano) Tiò.

TIT. (sempre ruvido) mia muggière.

ISI. Oh bella! (al servitore) Oe! Sansuga?

SER. Lustrissimo!

ISI. Va subito a far quel che t'ho dito.

SER. Subito. (parte)

ISI. A , Beppo. Sotto .

BEP. ? La varda con che facilitae. Paron Fortunato, donna Libera, lustrissimo, co so bona grazia. ( la mano a Orsetta) Mario e muggière.

ORS. (a Checca) Oh adesso mo, marìdete anca ti, che no me n'importa.

ISI Tòffolo, chi é de volta?

TOF. , prima barca. Parò Fortunato, donna Libera, lustrissimo, co so bona licenzia. ( la mano a Checca)

CHE. (a Isidoro) Oe, la dote?

ISI. Son galantomo, ve la prometto.

CHE. (a Toffolo) Tiò la man.

TOF. Muggière!

CHE. Marìo!

TOF. E viva!

FOR. E viva, allegramente. Muggière, anca mi so in grìngola.

SER. (a Isidoro) qua tutti, co la comanda.

ISI. Novizzi, allegramente. V'ho parecchià un poco de rinfresco; gh'ho un pèr de sonadori; vegnì con , che vói che se devertimo. Andémo, che baleremo quattro furlane.

ORS. Qua, qua balemo, qua.

ISI. Sì ben, dove che volé. Animo, porté fuora de le caréghe. vegnir avanti quei sonadori; e ti, Sansuga, al Casin, e porta qua quel rinfresco.

LUC. Sior sì, balemo, devertìmose, che semo novizzi; ma la sènta, lustrìssimo, ghe voràve dir parolètte. ghe son obbligà de quel che l'ha fatto per , e anca ste altre novizze le ghe obbligae; ma me despiase, che el forèsto, e co'l va via de sto liógo, no voràve che el parlasse de , e che andasse fuora la nomina, che le Chiozotte baruffante; perché quel che l'ha visto e sentìo, stà un accidente. Semo donne da ben, e semo donne onorate; ma semo aliegre, e volemo stare aliegre, e volemo balare, e volemo saltare. E volemo che tutti posse dire: e viva le Chiozotte, e viva le Chiozotte!

 

>

Cami


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License