Carlo Goldoni
Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno

ATTO TERZO

SCENA NONA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA NONA

 

Il Re ed Erminio

 

RE

Or vanne, Erminio, dalle nostre spose:

Di' lor che stian contente, (si alzano)

Ch'oggi si partirà; che per godere

Non piccolo piacer, vengan con noi

A rimirar qui nel vicin contorno

Ritornar i Bertoldi al lor soggiorno.

ERM.

Obbedito sarete.

Oggi spero veder due spose liete.

RE

Sì, rendo grazie al ciel, che dal mio petto

Questo novello affetto

Tutto alfin discacciai; e riconosco

La salute del cuor dall'amorosa

Molesta gelosia della mia sposa.

Per altro a poco a poco

Cresceami in sen, m'inceneriva il foco.

 

Voi che il mio cor sapete (ad Erminio)

Quant'è in amor fedele,

Dite alla mia crudele

Ch'abbia di me pietà.

(Se non la placa il pianto,

Se non la calma il ciglio,

S'accresce il mio periglio,

Né più mi crederà). (parte con Erminio)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License