Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE PRIMA

SCENA PRIMA   Narciso e Garzoni

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PARTE PRIMA

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Narciso e Garzoni.

NARC.

Ànemo, spiritosi,

Disinvolti, graziosi,

Ché per spazzar la nostra mercanzia

Sora tutto ghe vuol galantaria.

Via, brusè quel caffè.

Mettèghe drento

Quattro grani de fava,

E acciò chel para fresco,

Mettèghe una porzion d’orzo todesco.

Per burlar i golosi

Che impenisse de zuccaro la tazza,

Bisogna ogni mattina

El zuccaro misciar co la farina.

Chi no fasse cussì, no viverave:

Tanto fitto de casa e de bottega,

Mobili, capital, garzoni e lumi

Xe una spesa bestial; ma questo è ’l manco.

Per sticcarla coi altri,

Vestir in gala e gòder dei pacchietti,

Ghe vuol dei gran caffè, dei gran trairetti.

Se no fusse, gramazzi,

La protezion de certe paronzine

Che in bottega ne fa conversazion,

Anderessimo tutti a tombolon.

Ma ghe ne xe qua una; allegramente:

In poco tempo impenirò i scuelotti.

Ghe vuol zoette a trapolar merlotti.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License