Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE PRIMA

SCENA SECONDA   Dorilla mascherata e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Dorilla mascherata e detti.

 

NARC.

Maschera, ghe son servo.

DOR.

Amico, addio.

NARC.

(Amico, addio? Questa xe forestiera).

Possio servirla?

DOR.

Io sono un poco stanca;

Se non sdegnate, riposar vorrei.

NARC.

(Compita in veritae).

Patrona, in sto paese

Ella farà delle faccende assae.

DOR.

Come sarebbe a dir? (alterata)

NARC.

La me perdona:

No vorave fallar, sotto la maschera

No se sa chi ghe sia; mi parlo a caso,

Per altro in ste botteghe

Certe persone se cognosse a naso.

DOR.

Mi piace il vostro umor.

NARC.

Eh via, che cade!

Parlemose alla schietta;

Ella xe forestiera, e no la sa

L’usanza del paese.

DOR.

È questa appunto

La prima volta che Venezia io vedo.

NARC.

Da che paese xela?

DOR.

Io son Romana.

NARC.

In tel parlar l’ho cognossua, per diana.

DOR.

(Mi sembra il caffettier fatto a mio genio).

NARC.

Za che no gh’è nissun, se poderave

Ricever un favor?

DOR.

Sì, comandate.

NARC.

La se cava la maschera, la lassa

Che la veda in tel viso.

DOR.

Eccomi pronta. (si smaschera)

NARC.

(Oh che babio da re, che bel musotto!

Oh che occhietto baron! son mezzo cotto).

DOR.

Che dite fra di voi? Rassembro forse

Agli occhi vostri odiosa?

NARC.

Vu me parè una riosa

Dal zardin de Cupido traspiantada;

Non ho visto nissuna

Bella come vu: farè fortuna.

DOR.

Ma sappiate ch’io son femmina onesta.

NARC.

Ben, ben, cussì me piase.

Se vien qualche pollastro,

Se procura pelarlo,

E po con bella rasa

Un pretesto se tiol per impiantarlo.

 

Vederè vegnirve attorno

Più de vinti amanti al zorno.

Qualchedun suspirerà:

Nol vardè, che l’è spiantà.

Se qualcun ve vien arente,

Fe da savia e da prudente;

Ma co vien el generoso,

Sia pietoso - el vostro cuor.

Quel che i dona se receve

Fin che i sta come se deve.

Ma se i vuol slongar le man,

Se ghe scampa da lontan,

E i se lassa col brusor.

 

DOR.

Ma il desiderio mio

Saria di maritarmi,

Né in tal guisa vorrei pregiudicarmi.

NARC.

Se volè maridarve

Con un omo da ben (no sta mi a dirlo),

Ma de meggio trovar no poderessi.

Son zovene onorato... Oh se volessi...

DOR.

Io son contenta, ma...

NARC.

Che ma?

DOR.

Di dote

Son sprovveduta affatto.

NARC.

Val più quel vostro tratto,

Val più quei vostri occhietti bagolini,

Che no val un sacchetto de zecchini.

Ve torrò senza gnente, ma per far

Quel che bisogna in casa, con maniera,

Fin che forestiera,

Col benefizio della mascheretta

Poderessi avanzar qualche cossetta.

Ma intendemose ben, onestamente;

E po no dubitè,

Che alle occasion ve starò sempre arente.

DOR.

Farò quel che volete.

Ma qui vien gente, io mi ricopro il volto.

NARC.

Fe ben; quel che vedè

Xe un certo sior Zanetto,

Fio de un mercante ricco; el fa con tutte

El cascamorto, el spende generoso,

El fa da vertuoso,

Ma l’è un ignorantazzo:

Podé pelarlo e torvene solazzo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License