Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE PRIMA

SCENA TERZA   Zanetto e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Zanetto e detti.

 

ZAN.

Putti, caffè.

 

NARC.

Lustrissimo, la servo.

 

ZAN.

Fàmelo apposta.

 

NARC.

Giusto adesso el fava.

 

ZAN.

Digo ch’el voggio apposta, m’astu inteso?

 

NARC.

Lustrissimo, sior sì. (Ghe voggio dar

Per ste so cargadure

Tutte le scolaure). (va per il caffè)

 

ZAN.

Patrona siora maschera, la diga,

Comandela caffè? Eh via, no femo

Cerimonie. Narciso?

 

NARC.

Son qua lesto.

 

ZAN.

Falo per do.

 

NARC.

La servo presto presto.

 

ZAN.

Via, mascheretta, no fe la retrosa,

Cavève la moretta;

Za no ghe xe nissun. Eh eh, patrona; (scherzoso)

La compatisso, no la me cognosse.

Qua gh’è dei zecchinati, (mostra la borsa)

E colle donne son el re dei mati.

Eh via, no la se fazza sfregolar.

Vardè che bella vita! (alza il zendal a Dorilla che lo respinge)

Oh, oh, che smorfie!

Presto presto el caffè, che voggio andar.

 

NARC.

Strissimo, sior Zanetto.

 

ZAN.

Cossa vustu?

 

NARC.

Quella maschera mi la cognosso;

La xe una vertuosa

Vegnua da Roma; oh, oh, se la vedesse!

La xe graziosa e bella

Che la par una stella.

 

ZAN.

La sa star sulle soe.

 

NARC.

No l’è più stada

In sto paese, e no la sa l’usanza.

Con una forestiera

Ghe vuol (la me perdona) altra maniera.

 

ZAN.

Caro Narciso, dighe le parole,

Pàrleghe come ti, fora dei denti;

Mi intanto studierò do complimenti.

 

NARC.

Lustrissimo, la vuol

Donca che mi ghe batta el canariol?

 

ZAN.

Oh che matto! oh che matto! Ti me piasi;

Tiò sto ducato, fa pulito, e tasi.

 

NARC.

(Adesso ti sta fresco!) Oe paronzina,

Mi za l’ho messo a segno.

Desmaschereve, e doperè l’inzegno. (a Dorilla)

 

DOR.

Ma non vorrei...

 

NARC.

Eh, non abbiè paura;

Sel ve perde el respetto,

Mi ve defenderò. (come sopra)

 

DOR.

Con questo patto

La maschera mi levo. (a Narciso)

 

NARC.

El colpo è fatto. (a Zanetto)

La xe desmascherada.

Via, la ghe daga una benigna occhiada.

 

ZAN.

Che l’aspetta un momento;

No me xe vegnù ancora el complimento.

 

NARC.

La parla natural.

 

ZAN.

Me maravegio!

So ben complimentar; son stà in collegio.

Madama, io mi dispiace (a Dorilla)

Che i rai di vostra face

M’hanno sotto la maschera del volto

Nella base del seno il cor sconvolto. (affettato)

 

DOR.

Riverito signore...

 

ZAN.

La me lassa finir. Dunque per questo

Conciosiacosaché vermiglia bocca... (va mendicando complimenti)

Negando voci, ehem... negando voci,

Ehem... negando voci a recchia amante,

Incantato restai.

Qual ostrica nel fango, io m'impiantai.

 

DOR.

Che discorso gentil!

 

ZAN.

Io sono avvezzo

Tanto a parlar toscano,

Che appunto sembro nato a Toscolano.

 

NARC.

Lustrissimo patron, xe qua el caffè.

 

ZAN.

Vorla zuccaro assae? (a Dorilla)

 

DOR.

Poco, pochissimo.

 

ZAN.

El dolce fa dormir; lei fa benissimo.

 

DOR.

Il dolce fa dormir?

 

ZAN.

Sì, mia signora.

El corrompe le flemme,

El digerisce el chilo,

L'interna l'individuo,

El dissolve del cerebro i escrementi...

Via, via, la beva senza complimenti.

 

DOR.

Lei è molto intendente.

 

NARC.

(Oh che gran frottole!)

 

ZAN.

Ho studiato Aristotile,

L'Almanacco perpetuo ed il Meschino,

Cacasseno, Bertoldo e Bertoldino.

Oh gran caffè! Cossa ghe par? È buono?

 

DOR.

Prezioso in verità.

 

ZAN.

Questo vuol dir

Saverse far servir; - altri che mi

Nol beve in sta maniera.

 

NARC.

(Questo è 'l caffè che xe avanzà gersera).

 

ZAN.

Via, Narciso, liogo. (a Narciso, piano)

 

NARC.

Eh, no la dubita;

So el mio dover. (Ma voggio véder tutto,

Perché mi non vorria ch'el sior Zanetto

Me levasse de man sto bel tocchetto). (si ritira)

 

ZAN.

Sentémose un tantin. Ah mia patrona! (siedono)

Quell'occhio fulminante

M'ha fulminato il cor sino alle piante.

 

DOR.

Lei vuol meco scherzar.

 

ZAN.

Digo da senno.

Quel volto vermigliato,

Quel ciglio rabbuffato... (accostandosi)

 

DOR.

Eh mio signore,

Un po' più di modestia. (lo rispinge)

 

ZAN.

Eh via, la tasa.

 

DOR.

Vussignoria tenga le mani a casa.

 

ZAN.

Ho camminato il mondo: (s'alza con furia)

Son stato a Chiozza, a Padoa ed a Vicenza,

Ho girato la Marca Trevisana,

Non ho trovato mai donnastrana.

 

Me vien suso un certo caldo,

Che non posso più star saldo. (agitato)

La la ran la, la la ran ran.

bella, patrona,

Ma siè mo anca bona.

Occhietto - furbetto,

Bocchetta vezzosa,

No posso più star.

 

 

DOR.

(Costui va sulle furie;

Conviene usar prudenza ed acquietarlo).

Vinta da queste sue belle maniere,

Dal suo tratto gentil, dal suo bel vezzo,

Già mi sento nel petto

Nascer per lei un rispettoso affetto.

 

ZAN.

Oh, cussì me piasè!

La me daga la man. (torna a sedere)

 

DOR.

Eccola pronta.

 

ZAN.

Eh, la se cava i guanti.

 

NARC.

(El complimento pol andar più avanti).

Lustrissimo patron, se la comanda,

Gh'ò una chiave de palco.

 

ZAN.

No me romper la testa.

 

DOR.

D'opera, o di commedia?

 

ZAN.

Così, come diseva... (a Dorilla)

 

NARC.

La xe una novità piena de chiasso,

Con certe confusion d'omini e bestie

Che doverave far un gran fracasso.

 

DOR.

Ditemi... (a Narciso)

 

ZAN.

Via quel guanto. (a Dorilla)

 

DOR.

Ditemi, avranno esposto un bel cartello?

 

NARC.

L'è bello assae: colle figure intiere;

E tra le altre cose pellegrine,

Parole ghe xe su scritte latine.

 

DOR.

La vedrei volentieri. (a Zanetto)

 

ZAN.

Co se tratta

De servir el so genio,

Donca la tiogo. Dime. Quanto vienla? (prende la chiave)

 

NARC.

No i vuol un bezzo manco

De sie zecchini.

 

ZAN.

Come! Xestu matto?

In terz'ordine in banda, e sie zecchini?

 

NARC.

Quando no la la vuol, la tiogo indrio.

 

ZAN.

Sti torti ad un par mio?

Tiò sie zecchini, e se no basta questi,

Te ne darò dei altri,

Ma con un cortesan della mia sorte

No far de ste bulae. Patrona bella,

Sta borsa che xe qua tutta è per ella.

 

DOR.

Signor, mi meraviglio

Che lei parli in tal guisa a una mia pari.

Non si offrono denari

A una donna civil come son io.

 

ZAN.

Quando la xe cussì,

Metto via la mia borsa e torno indrio.

 

NARC.

(Che diavolo aveu fatto?) (a Dorilla, piano)

 

DOR.

(Eh non temete).

Finché mi avesse offerto (a Zanetto)

Un anel di diamanti, un orologio,

Una scatola d'oro, o cosa tale,

Accettato averei il cerimoniale;

Ma offerirmi denari!

Gli dimando perdono,

Donna di tale affare io già non sono.

 

Signor mio, v'è un gran divario,

Mercenario - non ho il core;

So far caso d'un favore

Se nol veggo interessato;

Al mercato

Vada lei, se vuol comprar.

Per un guardo, per un vezzo,

Certo prezzo - non pretendo,

La mia grazia altrui non vendo.

Quello sol può incatenarmi,

Che d'amarmi

Nobilmente sa mostrar.

 

 

NARC.

Lustrissimo patron, ala ascoltà

Che maniera gentil?

 

ZAN.

La m'à copà.

 

NARC.

Mi gh'ò paura che la sia istizzada.

 

ZAN.

Come se poderave

Farghe passar la collera?

 

NARC.

Mi ghe dirò. Ghe vuol un regaletto

Fatto con bona grazia.

 

ZAN.

Co sto anello

Faremio gnente?

 

NARC.

Sì, l'è bon e bello.

 

ZAN.

Come ghe l'oi da dar?

 

NARC.

La ghel presenta

Con un dei so graziosi complimenti.

 

ZAN.

E si no la lo vuol?

 

NARC.

M'impegno mi

De far che la lo tioga.

 

ZAN.

Caro Narciso, me confido in ti.

Signora, posciaché di sdegno accesa (a Dorilla)

Sublimaste la bile,

Chiede grazia e perdon Zanetto umile

 

NARC.

Inzenochieve. (a Zanetto, che s’inginocchia)

 

DOR.

Compatisco in lei

L’ignoranza ch’ella ha de’ fatti miei.

 

ZAN.

Narciso, cossa distu? (salza)

Dell’ignorante la m’à alla prima.

 

NARC.

Ghe vuol pazienza, e batterla pulito.

(Molèghe un pochettin, che za l’è ito). (a Dorilla)

 

ZAN.

Ma se lei vuol struccare

Con torcolo di sdegno il core afflitto,

Funesto e derelitto

Da Inferno Averno biscottato io sono.

 

DOR.

Su via, per questa volta io gli perdono.

 

ZAN.

Vorria, ma non ardisco...

 

DOR.

E che vorrebbe mai?

 

ZAN.

Darghe...

 

DOR.

Che cosa? (adirata)

 

ZAN.

Gnente, gnente, patrona.

 

NARC.

(El vuol donarve

Un anel de diamanti). (piano a Dorilla)

 

DOR.

Dica, che mi vuol dar? (placida)

 

ZAN.

Gnente dasseno.

 

DOR.

Adunque mi burlò? (sdegnata)

 

ZAN.

No, ma voleva...

 

DOR.

Che cosa?

 

ZAN.

Dillo ti, caro fradello. (a Narciso)

 

NARC.

El ghe voleva dar un bel anello.

 

DOR.

E mi crede cotanto

Indiscreta e incivil ch’io non l’accetti?

 

ZAN.

Mi gh’aveva timor... ma se son degno

De tanto onor, la toga; so per altro,

Che questo monumento

Non è proporzionato al suo splendore.

 

DOR.

Io non apprezzo il don, ma il donatore.

 

 

ZAN.

Za che fatta xe la pase,

Anderemo, se ghe piase,

Al teatro tutti do.

 

NARC.

(Che dolori, oimei, oimei!)

 

DOR.

Volentieri venirò,

Ma vorrei...

 

ZAN.

Disè su, caro bel viso.

 

DOR.

Che venisse ancor Narciso.

 

NARC.

(Via, respiro).

 

ZAN.

Manco mal;

Ti ne porterà el feral.

 

NARC.

A Narciso dal Caffè

Se ghe fa sta esibizion?

 

DOR.

Che vergogna!

 

NARC.

Cospetton!

 

ZAN.

Xestu matto?

 

NARC.

Cospetton!

 

ZAN.

Eh via, tasi.

 

NARC.

Cospetton!

De vegnirghe no me importa.

 

DOR.

Io lo voglio.

 

ZAN.

Ti è paron de palco e porta.

Orsù via, la staga zitta.

 

DOR.

Nel palchetto

Vuò ch’egli abbia la man dritta.

 

ZAN.

Questo è troppo.

 

NARC.

Coss’è stà?

 

DOR.

Io lo voglio.

 

ZAN.

El l’averà.

E po dopo la commedia.

Anderemo all’osteria.

 

DOR.

Dove vuol vussignoria.

 

NARC.

Che dolori, oimei, oimei!

 

DOR.

Ma vorrei...

 

ZAN.

Comandè, caro bel viso.

 

DOR.

Che venisse ancor Narciso.

 

NARC.

Brava, brava!

 

ZAN.

El vegnirà.

 

DOR.

 }a tre

El mio cuor giubilerà.

NARC.

ZAN.


 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License