Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE SECONDA

SCENA SECONDA   Zanetto e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Zanetto e detto.

 

ZAN.

Oe, Narciso, astu visto

Gnancora quell’amiga?

NARC.

Lustrissimo, sior no.

ZAN.

La m’à pur ditto

De vegnir a bonora.

Sangue de mi, no l’è vegnua gnancora?

NARC.

No xe mezza mattina;

L’è andada in letto tardi;

La vegnirà.

ZAN.

Sì, sì, ti ghà rason.

Cossa distu che muso?

NARC.

Digo che se gh’avesse

Un milion de zecchini,

Li vorave impiegar tutti per ella.

Mi non ho visto mai donna più bella.

ZAN.

Bezzi ghe n’ò pochetti,

Ma farò dei stocchetti,

Svaliserò mio pare,

Romperò el scrigno, e roberò le doppie;

E se no le bastasse,

Porterò via le zogie,

E svoderò le casse.

NARC.

Certo che al d’ancuo

Chi vuol star colle donne,

Ghe vuol dei bezzi assae.

ZAN.

Li spenderò a palae;

Tutta la mia legittima

Vôi donar a custia.

NARC.

(Anca mi goderò la parte mia).

ZAN.

E mai la vien! oh poveretto mi,

No posso più star saldo.

Varda, caro Narciso...

Ma no, varderò mi...

Ma sarà megio che ti vardi ti.

NARC.

Vago a vardar; se intanto

La se vuol devertir,

Mi ghe darò da lezer i foggetti.

ZAN.

Sì sì, quel che ti vuol.

NARC.

I xe de quelli

Vegnui sta settemana

Col corrier de Milan.

ZAN.

Sangue de diana!

Tanto lontan? Damelo, va in bottega,

E torna che t’aspetto.

NARC.

(Che caro sior Zanetto!) (va in bottega)

ZAN.

Londra... Coss’è sta Londra? èla una donna?

O xelo qualche pesce?

Ma Dorilla no vien... Madrid... Madrid?

Si, sì, adesso l’intendo,

Londra e Madrid sarà mario e muggier;

Un matrimonio certo

El sarà de gran stima.

Oh gran mi per capir tutto alla prima!

Narciso, èla vegnua?

NARC.

Strissimo no. (di dentro)

ZAN.

Che gran pazienza ghò!

Donca Londra e Madrid: voggio vardar

Se i à serà el contratto.

La Corte si è partita per campagna...

Oh che spropositazzo!

La corte colle gambe! oh che strambazzo!

Narciso.

NARC.

La comanda. (esce)

ZAN.

Èla vegnua?

NARC.

Strissimo no.

ZAN.

(Che mamera monzua!)

Genua. Coss’è sta Genua?

NARC.

Una città.

ZAN.

Sono arrivate in porto

Quattro navi di Spagna. In che maniera?

Come vale le nave in quel paese?

NARC.

Per mar, come a Venezia.

ZAN.

Ghe xe dell’altro mar?

Gh’è delle nave fora de Venezia?

NARC.

Lustrissimo, sior sì.

ZAN.

Mi no lo credo,

Ti me la vuol pettar.

Mo varda se la vien.

NARC.

Torno a vardar. (si ritira)

ZAN.

Venezia. Oh vôi sentir se ghe xe suso

El ponte da Rialto.

Due bastimenti inglesi han preso porto.

Prender vuol dir chiappar: oh che faloppa!

Do bastimenti soli

Averà chiappà un porto? Eran diretti...

NARC.

Vela qua che la vien. (esce)

ZAN.

Tiò i to foggetti. (s’alza con furia)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License