Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE SECONDA

SCENA TERZA   Dorilla e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Dorilla e detti.

 

DOR.

Riverente m’inchino!...

ZAN.

Oh ben vegnuda!

Xe giusto quattro orette (alterato)

Che la stago aspettar.

DOR.

(Bel complimento!)

NARC.

Questa no xe la forma

De farse voler ben.

ZAN.

Ti ghà rason.

Mia cara paronzina,

Me par che sta mattina,

La gh’abbia bona ciera.

Stala ben volentiera?

DOR.

S’io son nella sua grazia, io sto benissimo.

ZAN.

Oh cossa che la dise! la mia grazia

La xe tutta per ella.

NARC.

(La so grazia vuol dir la so scarsella).

ZAN.

Narciso, va in bottega.

NARC.

Vorla gnente?

ZAN.

Dame un mazzo de carte.

NARC.

Eccole qua.

ZAN.

Via, làsseme ziogar con libertà.

NARC.

Vago via (ma per poco:

Se el crede de star solo, el xe un aloco!) (si ritira)

ZAN.

Cara siora Dorilla,

Cosa m’ala mai fatto?

Dopo che la cognosso,

No ghò un’ora de pase; e zorno, e notte,

E co magno, e co bevo, e fin co dormo,

Sempre co la mia mente,

Sì ben che son lontan, ghe stago arente.

 

Quando a tola son sentà,

Digo: «o ciel, fussela qua;

Sto boccon saria per ella,

Questo qua saria per mi »;

E cussì,

Quando bevo, digo ancora:

«Ghe darave a quel bocchin

Mezzo goto de sto vin ».

Quando, o ciel, sarà quel ?

 

DOR.

Stupisco nel sentirmi

Senza merto verun cotanto amata.

ZAN.

Mo chi mai poderave

Far de manco d’amarla?

Quel viso delicato,

Quel vezzo che innamora... (s’accosta)

NARC.

M’ala forsi chiamà? (esce)

ZAN.

No, va in malora.

NARC.

(Se stava ancora un poco!...) (si ritira)

ZAN.

Cussì, come diseva,

Me sento drento al cuor...

La me perdona

Se parlo venezian; el xe un linguaggio

Che al toscano s’accosta,

E per parlar d’amor l’è fatto apposta.

DOR.

Il parlar veneziano

È cotanto gentile e delicato,

Che in tutto il mondo è sopra gli altri amato.

ZAN.

Donca col cuor averto,

Schiettezza natural del mio paese,

Ghe dirò quel che bramo.

NARC.

Lustrissimo, son qua. (esce)

ZAN.

Se no te chiamo!

Via, làsseme ziogar.

NARC.

(Ti star furbo, ma mi no minchionar). (si ritira)

ZAN.

Za so che la me intende,

gh’è bisogno che de più me spiega.

.

Signor, posso accertarla

Che intendere non so quel che non parla.

ZAN.

Orsù, sta scatoletta

D’oro massizzo, lavorada in Franza,

Ghe parlerà per mi, segondo usanza. (le una scattola)

DOR.

La scattola ricevo,

E per risposta dargli,

Io dunque aspetterò ch’essa mi parli.

NARC.

Strissimo sior Zanetto,

Un certo zentilomo forestier

À domandà de ella;

E el l’aspetta in bottega del barbier.

ZAN.

Dighe che no ghe son.

NARC.

No gh’è più tempo;

El l’ha sentio in la ose,

E mi ghò dito el vero.

ZAN.

Vaghe a dir che l’aspetta.

NARC.

El butta fuogo,

El dise: «xe tre ore

Che lo vago cercando

Per darghe sti zecchini, e nol se vede».

ZAN.

(Son in t’un gran impegno).

La me aspetta un tantin, che adesso vegno. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License