Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE SECONDA

SCENA SETTIMA   Narciso mascherato, e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Narciso mascherato, e detti.

 

DOR.

(Sia ringraziato il cielo).

 

ZAN.

(In che maniera

M’oggio da contegnir?)

 

DOR.

(Chi mai sarà

Questa maschera ardita?)

 

ZAN.

(Far el bravo vorria, ma ghò paura).

 

NARC.

(Oe, non abbiè spavento,

Perché mi son Narciso). (piano a Dorilla)

 

DOR.

(Oh che contento!)

 

ZAN.

(Ma questo mo xe troppo;

Nol posso sopportar).

Oe, siora maschera,

La prego in cortesia, la daga liogo.

Sta camera da ziogo

Xe per mi reservada;

Vôi star con libertà, la vôi serrada.

 

NARC.

(Ride)

 

ZAN.

Come, patron, la ride?

Orsù, la vaga a far i fatti soi;

La vaga, cara ella,

Se no, se no, la vederemo bella.

 

NARC.

La prego perdonar,

In verità, che no ghe voggio andar. (parla nel naso)

 

ZAN.

Sior sgnanfo riverito,

No me la fe montar.

Vedeu sto curarecchie? Via, vardélo,

Mi della pelle ve farò un crielo. (mostra lo stilo)

 

DOR.

(Oh per amor del cielo,

Non vi precipitate). (a Narciso)

 

NARC.

(Eh, no gh’è dubbio). (a Dorilla)

Donca, patron, la vuol

Sbusarme el ferariol?

 

ZAN.

(El ghà paura).

Sior sì, manco parole;

No la me varda storto.

Sanguenazzo de mi... (alza la stilo)

 

NARC.

(Sfodera un palosso) Via, che ti è morto.

 

ZAN.

Aiuto, aiuto, aiuto.

 

DOR.

(Oh che poltrone!)

 

ZAN.

La vita, per pietà.

 

NARC.

Dame quel stilo.

 

ZAN.

La se lo tioga pur.

 

NARC.

Furbazzo, infame.

 

ZAN.

Tutto quel che la vuol.

(Me preme de salvar el mio corbame).

 

 

DOR.

(O che vigliacco

Ch’è el sior Zanetto!)

 

NARC.

(Ghe ne xe cento

De so compagni).

 

ZAN.

Co sto spavento

Me va l’affetto

Per i calcagni.

 

NARC.

(Vôi seguitarme

A devertir).

 

DOR.

} a due

Dove sta cossa

Vala a finir?

ZAN.

NARC.

Sior canapiolo,

Scana scuelotti,

Voggio trattarve

A scopelotti

 

ZAN.

Questo xe troppo.

 

NARC.

Via, che te coppo.

 

ZAN.

Abbiè pietà. (singinocchia)

 

NARC.

} a due

(Varè che porco!)

(Che gran viltà!)

DOR.

ZAN.

Siora Dorilla,

Me raccomando;

L’amor xe grando,

Ma el timor cresce.

 

DOR.

Ben mi rincresce

Di non potervi

Nulla giovar.

 

ZAN.

Vorla lassarme

Donca mazzar?

 

NARC.

Tutte renonzia

Sora sta donna

Le to pretese.

 

ZAN.

Mi ve la lasso

Senza contese.

 

DOR.

Che bell’affetto! (a Zanetto)

 

ZAN.

No, che l’è mia.

 

NARC.

Donca te sbuso

 

ZAN.

Ménila via.

 

DOR.

} a due

Che gran cucù!

NARC.

ZAN.

Dalla paura

No posso più.

 


 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License