Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE TERZA

SCENA PRIMA   Camera da gioco, tavolino con lumi.   Narciso e Dorilla

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PARTE TERZA

 

SCENA PRIMA

 

Camera da gioco, tavolino con lumi.

 

Narciso e Dorilla

 

NARC.

Cara man che me consola.

DOR.

Cara pace del mio cor.

NARC.

Amerò sempre ti sola.

DOR.

Tu sarai mio solo amor.

 

NARC.

Finalmente xe zonto

Quel zorno benedio.

Finalmente son pur vostro mario.

DOR.

Giunto è quel beato,

In cui felice sorte

Fa ch’io sia divenuta a voi consorte.

NARC.

Vôi giusto che se amemo

Come fa do colombi,

Ma no voggio però che se becchemo.

DOR.

Sì, sì, staremo in pace:

Questo è quel che mi piace.

 

NARC.

Cara man che me consola.

DOR.

Cara pace del mio cor.

NARC.

Amerò sempre ti sola.

DOR.

Tu sarai mio solo amor.

 

NARC.

Ma gh’è zente in bottega;

Lassè che vôi vardar. (guarda)

DOR.

Guardate pure.

NARC.

Sangue de mi! l’è giusto el sior Zanetto.

Ghe vôi far una burla,

Che nol tornerà più.

L’ha domandà ai garzoni si ghe ;

I ghà dito de sì; el vien de suso.

Presto, presto, scondève;

Lassème in tel intrigo:

Vu stè in sto camerin, fin che vel digo.

DOR.

Ancor questo farò per compiacervi. (si ritira)

NARC.

Oh la vuol esser bella! Mi me fido

Perché sto sior Zanetto xe un pagiazzo,

Ma sel fusse de quei che digo mi,

No farave de lu tanto strapazzo.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License