Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE TERZA

SCENA SECONDA   Zanetto e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Zanetto e detto.

 

ZAN.

Oe Narciso, ghe xela?

NARC.

No la gh’è.

ZAN.

Eh via, che ti me burli.

NARC.

No da senno... (fa cenno che è nella camera)

ZAN.

Ah, t’ho capio; vien qua; cossa vuol dir?

Che! xela forsi a licet?

NARC.

La xe mortificada

Per el caso fatal de stamattina.

ZAN.

Mi che colpa ghe n’oggio?

Ti ha visto che un baron (che nol me senta)

Xe stà causa de quel inconveniente.

NARC.

E la ghe dise gnente?

Lassarghela in le man?

Tradirla, abbandonarla el primo zorno?

Questo xe vero amor?

ZAN.

Amor un corno.

Se non andava via per le mie drette,

Con quel palosso el me taggiava a fette.

NARC.

Eh via, la me perdona,

Che no se fa cussì.

ZAN.

Come dovevio

Contegnirme in quel caso?

NARC.

Prima morir che abbandonar la donna.

ZAN.

E mi mo te respondo :

Piuttosto che la vita,

Vaga pur quante donne ghe xe al mondo.

NARC.

Quel che la vuol; però quella patrona

No la intende cussì.

ZAN.

Caro Narciso,

Fàmela giustar ti. Via, co sto patto,

Che se ti me la giusti,

Mi te pago un tabarro de scarlatto.

NARC.

Un tabarro? Quaranta ducatelli

Ghe vuol, senza fattura.

ZAN.

So che ti xe perito; (gli una borsa)

Tiò i quaranta ducati, e fa pulito.

NARC.

Basta, m’inzegnerò.

ZAN.

Come farastu?

NARC.

Se la sarà crudel, barbara e fiera,

Ghe dirò le parole in sta maniera:

 

«Patrona, el sior Zanetto

Xe qua tutto pentìo;

Per ella, poveretto,

L’è morto, l’è sbasìo,

Da senno el fa pietà».

E se la me responde:

«Nol voglio, vada via»;

Dirò: «patrona mia,

L’è troppa crudeltà ».

 

ZAN.

Bravo, bravo, m’impegno.

NARC.

La me aspetta un tantin, che adesso vegno. (va nel camerino, e torna)

ZAN.

Sento un gran batticuor! Tra la paura,

Tra la vergogna e tra l’amor, me sento,

Dirò co dise quello,

Triplicato nel seno il mio tormento.

Vela qua che la vien.

NARC.

L’è persuasa

De lassarse vardar, ma de parlarghe

Certo no ghe xe caso. Co sto patto

Vegnir la m’à promesso.

ZAN.

Gnancora no la vien?

NARC.

La vien adesso.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License