Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE TERZA

SCENA TERZA   Dorilla e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Dorilla e detti.

 

DOR.

Eccomi, c’intendiamo:

Io non voglio ascoltar le sue parole.

NARC.

Séntela?

ZAN.

Ghe vorave

Domandar perdonanza.

NARC.

Eh, no gh’è caso;

Ma se la se contenta,

Parlerò mi per ella sul so viso.

ZAN.

Me raccomando a ti, caro Narciso.

NARC.

Riverita patrona,

Confessa el sior Zanetto

D’aver manca con ella al so dover;

El dise che l’è un porco,

Pien de poltronaria...

ZAN.

No digo...

NARC.

(Se parlè, la scampa via).

El cognosse anca elo

Che un aseno l’è stà...

ZAN.

No digo...

NARC.

(Se parlè, la se ne va).

ZAN.

Dime, caro Narciso,

Che maniera xe questa de parlar?

NARC.

Con una donna offesa

Sti atti de umiltà bisogna usar.

ZAN.

Tutto sopporto in pase

Pur che la me perdona.

NARC.

Via, la diga, patrona,

Qualcossa ancora ella.

DOR.

Dirò ch’io lo conosco

Per un uomo vigliacco e senza senno;

Per uno scimunito

Che il trattare civil non sa qual sia.

ZAN.

Ma questo...

NARC.

(Se parlè, la scampa via).

DOR.

Dirò ch’egli non merta

L’affetto d’una donna, in tutto privo

Di buona qualità...

ZAN.

Ma questo...

NARC.

(Se parlè, la se ne va).

ZAN.

Ma cospetto de Bacco!

No poderghe parlar xe una gran pena!

E po m’ò da lassar

Ancora strapazzar? Oh amor! Narciso.

NARC.

Lustrissimo.

ZAN.

Sì, sì, dame dei titoli,

Dopo d’averme titolà coi fiocchi.

Varda, caro fradello,

Ghò sto per de manini; se i ghe piase,

Di’ che ghe i donerò, se femo pase.

NARC.

Basta, procurerò. La me li daga.

Oe, muggier, sti manini (piano a Dorilla)

I xe giusto a proposito

Per el vostro bisogno. El sior Zanetto

Ve fa sto regaletto:

Accettarlo bisogna, ma convien

Far che l’ultimo el sia.

DOR.

Così va ben.

NARC.

Bisogna che finzè...

ZAN.

Xela giustada ancora?

NARC.

No, aspettè.

Bisogna che finzè d’esser placada;

Feghe qualche finezza,

E quando che vedè...

ZAN.

Narciso, èla giustada?

NARC.

Mo aspettè:

E quando che vedè ch’el se ingaluzza,

Trattegnilo a parole

Fina che vegno mi con una burla,

Che za ghò parecchiada.

ZAN.

Narciso, vala ben?

NARC.

La xe giustada.

ZAN.

Bravo, vien qua che te vôi un baso.

NARC.

Grazie al so bon amor.

ZAN.

Donca, patrona...

DOR.

(Gli volta le spalle)

ZAN.

Possio sperar che sia... Vardè che sesto!

La xe giustada, e la me volta el cesto.

NARC.

Mi l’ò aggiustada, ma bisogna adesso

Che ancora lu el la prega.

ZAN.

Ah! sì, xe vero.

Son qua... la mia vergogna...

Se l’amor che mi ghò... se la creanza...

La passion de dover... certo debotto...

No posso più parlar, che ghò el sangiotto.

DOR.

Da questo suo parlar così interrotto,

Dagli occhi lacrimanti,

Da quel ciglio umiliato, io ben comprendo

Il pentimento suo. Basta, signore,

Io già le ho perdonato;

Tutto mi scordo, e quel ch’è stato, è stato.

 

ZAN.

Mi me sento

Tutto in lagreme

Dal contento

El cuor desfar.

Za cognosso

El mio demerito;

No me posso

Consolar.

 

NARC.

Via, no fifè. Stè qua; ve lasso soli;

Vago a far un servizio, e adesso torno. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License