Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE TERZA

SCENA QUARTA   Zanetto e Dorilla

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Zanetto e Dorilla

 

ZAN.

(Magari che nol torna in fin a zorno).

Siora Dorilla cara,

Certo so che ò fallà...

DOR.

Via, non parliamo

Più di quel ch’è passato.

ZAN.

Ma se la me vedesse dentro al cuor,

La vederia l’amor che ghò per ella.

DOR.

Invano lei favella.

So ben quanto che mi ama.

ZAN.

Sì, vita mia, la mia cara mama;

Ma no mama, la tata;

Ma gnanca tata, la mia morosa.

Dasseno, ma sentì, ghò in tel pensier

Che un zorno deventè la mia muggier.

DOR.

(Sei venuto un po’ tardi). Una gran sorte

Certo per me sarebbe

Divenir sua consorte.

Ma vedo che di me si prende spasso.

ZAN.

Sentì, ma che la staga tra de nu:

Zuro de no sposar altri che vu.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License