Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE TERZA

SCENA QUINTA   Narciso e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Narciso e detti.

 

NARC.

Oimè, presto, scondève...

Oimè...

ZAN.

Cossa xe sta?

NARC.

Quel sbruffarisi.

ZAN.

Chi?

NARC.

Quel dai mustachi.

ZAN.

Oimè!

NARC.

Quel sgnanfo dal palosso.

ZAN.

Oimè! no posso più.

Narciso, dove xelo?

NARC.

El vien de su.

DOR.

(So che questa è una burla).

ZAN.

Cossa oggio da far?

NARC.

Sconderse presto.

ZAN.

Dove? In tel camerin?

NARC.

No ghe xe chiave.

Se el va drento, el ve cata.

ZAN.

Mo via, cossôi da far?

Ghò la morte alla gola.

NARC.

Che la se sconda qua, sotto la tola.

ZAN.

Come?

NARC.

Ma presto.

ZAN.

E po?

NARC.

Via, che debotto

Quel mustachi xe qua.

ZAN.

Me ficco sotto. (va sotto la tavola)

NARC.

Oh che gran cargadura!

DOR.

Si è scordato l’amor per la paura.

NARC.

Mio patron riverito,

Qua no ghe xe nissun; me maraveggio

Che la vegna con tanta inciviltae

A far in casa mia delle bulae.

DOR.

Oh questa sì che è bella!

NARC.

Tasi, se no debotto (sgnanfo)

Te scavezzo anca ti. Siora Dorilla,

M’è stà ditto che qua ghe xe Zanetto;

Sel gh’è, voggio cavarghe el cuor dal petto.

DOR.

Signor, certo mi creda

Che qui alcuno non v’è.

NARC.

Come!

DOR.

Lo giuro.

NARC.

Voggio andar a vardar per tutti i busi.

Prima in sto camerin. (come sopra, ed entra)

ZAN.

Siora Dorilla,

Me raccomando a ella.

DOR.

Non temete,

Della difesa mia certo voi siete.

 

Benché voi nol meritate,

Usar voglio carità.

ZAN.

Per pietà...

DOR.

Siete vil; non è così?

ZAN.

Siora sì.

DOR.

Siete indegno di perdon.

ZAN.

Per pietà, per compassion.

 

NARC.

Orsù, voggio fidarme; (torna)

Ghò un per de foleghette, ma ben cotte;

Voggio che stemo qua tutta sta notte.

DOR.

Farò quel che comanda.

NARC.

La vegna qua; sentémose un tantin.

Vôi contarghe un bel caso.

DOR.

Io volentieri

L’ascolterò.

NARC.

Giersera un certo bravo

El me voleva far delle bulae;

Mi l’ò fatto cangiar

Solo con quattro de ste mie peae. ( calci)

ZAN.

Solita so braura.

NARC.

Cossa mai

Ghe xe sotto sta tola!

DOR.

Vi sarà qualche cane.

NARC.

Passa via!

Orsù, siora Dorilla,

Ho pensà de liogarve.

DOR.

Io sono

A far il suo volere.

NARC.

Olà, Narciso.

Son pronto ai so comandi.

Sta signora me xe raccomandada;

Voi che la sia logada.

Mi no la posso tior

Perché son maridà, onde ho ressolto

Che ti la sposi ti. La me perdona...

Zitto, no replicar, se no te coppo.

Ma la dota? La dota

Za ghe la farò mi. Cento zecchini,

Oltre i abiti, el letto, e i so manini.

Quando la xe cussì, donca la tiogo,

Ma la fazza che senta

El pensier de Dorilla.

DOR.

Io son contenta.

NARC.

Va donca presto a parecchiar la cena.

Màndeme do garzoni,

Che li vôi doperar. Presto la servo.

Mi voggio che stassera

Stemo un po’ allegramente.

DOR.

Ella mi va obbligando in ogni guisa.

NARC.

(Adesso è ’l bon.)

DOR.

(Io crepo dalle risa).

(Vengono due Garzoni)

NARC.

Putti, chiappè d’accordo,

E porté via de qua sto taolin,

Perché voggio che femo un bel festin.

Come, coss’è sta roba? Chi è costù?

Questo xe qualche ladro.

Presto, chel vôi coppar.

ZAN.

Ah per pietà, la prego a perdonar,

Che son el sior Zanetto.

NARC.

Giusto adesso

Voggio menar le man.

ZAN.

Ah, son in terra:

La tratta da par soo, la me perdona.

NARC.

Cossestu vegnù a far?

ZAN.

Xe sta l’amor...

NARC.

Ghe vegnirastu più?

ZAN.

No, sul mio onor.

DOR.

A mio riguardo almeno,

Abbiate compassion di quel meschino.

Questa è sera di nozze.

NARC.

Basta, a riguardo vostro.

Ma senti, se ti torni...

ZAN.

No vegnirò mai più per sti contorni.

NARC.

Orsù, voggio andar via,

Perché, se stago qua,

No me posso tegnir de fracassarlo.

Fe che ’l vaga via;

Se co torno, lo trovo, ve prometto

Che mi voggio de lu far un sguazzetto. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License