Carlo Goldoni
La bottega da caffè

PARTE TERZA

SCENA ULTIMA   Narciso e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA ULTIMA

 

Narciso e detti.

 

NARC.

Come xela passada?

 

ZAN.

Oimè, Narciso,

Oimè, no posso più.

 

NARC.

Ala sentìo

Che ò dovesto per forza

Sposarla in so presenza?

 

ZAN.

Cossa mai vustu far? Abbi pazienza.

Presto, menème a casa,

Me voggio far trar sangue.

Prego el ciel che i me tacca al collo un lazzo,

Se con donne mai più mi me ne impazzo.

 

Voggio andar da mio sior pare,

Domandarghe perdonanza,

Né mai più voggio morose.

 

NARC.

E mi arente la mia sposa...

 

DOR.

Ed io presso al mio consorte...

 

NARC.

} a due

Lieta sorte - goderò.

DOR.

ZAN.

Oe, Narciso.

 

NARC.

Mio patron.

 

ZAN.

Vôi parlarte, ma in scondon.

 

DOR.

Cosa dice?

 

NARC.

Via, tasé.

 

DOR.

Vuò saperlo.

 

NARC.

El saverè.

 

ZAN.

Vôi l’anello e sie zecchini,

Vôi la scatola e i manini,

E i quaranta ducatelli

Che anca ti ti m’à magnà.

 

NARC.

Obbligato in verità.

 

DOR.

Cosa dice?

 

NARC.

Che ’l ve lassa

Quell’anello, quei zecchini,

Quella scatola e i manini,

Che cortese el v’à donà.

 

ZAN.

No, in malora.

 

DOR.

Obbligatissima.

 

ZAN.

No, ghe digo.

 

DOR.

Devotissima.

 

ZAN.

No ghe i dono, siora no.

 

DOR.

} a due

Per suo amor li goderò.

NARC.

ZAN.

Siora, vôi la roba mia.

 

NARC.

El mustachi, scampò via.

 

ZAN.

Dove xelo?

 

NARC.

} a due

Eccolo qua.

DOR.

ZAN.

Scampo, corro.

 

NARC.

} a due

Presto, va.

DOR.

 

Fine dell’Intermezzo.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License