Carlo Goldoni
La bottega del caffè

ATTO PRIMO

Scena Terza. Don Marzio e Ridolfo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Terza. Don Marzio e Ridolfo

 

RIDOLFO (Ecco qui, quel che non tace mai, e che sempre vuole aver ragione.) (da sé)

DON MARZIO Caffè!

RIDOLFO Subito, sarà servita.

DON MARZIO Che vi è di nuovo, Ridolfo?

RIDOLFO Non saprei, signore.

DON MARZIO Non si è ancora veduto nessuno a questa vostra bottega.

RIDOLFO È per anco buon'ora.

DON MARZIO Buon'ora? Sono sedici ore sonate.

RIDOLFO Oh illustrissimo no, non sono ancora quattordici.

DON MARZIO Eh, via, buffone!

RIDOLFO Le assicuro io che le quattordici ore non sono sonate.

DON MARZIO Eh, via, asino.

RIDOLFO Ella mi strapazza senza ragione.

DON MARZIO Ho contato in questo punto le ore, e vi dico che sono sedici; e poi guardate il mio orologio (gli mostra l'orologio) ;questo non fallisce mai.

RIDOLFO Bene, se il suo orologio non fallisce, osservi; il suo orologio medesimo mostra tredici ore e tre quarti.

DON MARZIO Eh, non può essere. (cava l'occhialetto e guarda)

RIDOLFO Che dice?

DON MARZIO Il mio orologio va male. Sono sedici ore. Le ho sentite io.

RIDOLFO Dove l'ha comprato quell'orologio?

DON MARZIO L'ho fatto venir di Londra.

RIDOLFO L'hanno ingannata.

DON MARZIO Mi hanno ingannato? Perché?

RIDOLFO Le hanno mandato un orologio cattivo. (ironicamente)

DON MARZIO Come cattivo? È uno dei più perfetti, che abbia fatto il Quarè.

RIDOLFO Se fosse buono, non fallirebbe di due ore.

DON MARZIO Questo va sempre bene, non fallisce mai.

RIDOLFO Ma se fa quattordici ore meno un quarto, e dice che sono sedici.

DON MARZIO Il mio orologio va bene.

RIDOLFO Dunque saranno or ora quattordici, come dico io.

DON MARZIO Sei un temerario. Il mio orologio va bene, tu di' male, e guarda ch'io non ti dia qualche cosa nel capo. (un giovane porta il caffè)

RIDOLFO È servita del caffè. (con sdegno) (Oh che bestiaccia!) (da sé)

DON MARZIO Si è veduto il signor Eugenio?

RIDOLFO Illustrissimo signor no.

DON MARZIO Sarà in casa a carezzare la moglie. Che uomo effeminato! Sempre moglie! Non si lascia più vedere, si fa ridicolo. È un uomo di stucco. Non sa quel che si faccia. Sempre moglie! sempre moglie! (bevendo il caffè)

RIDOLFO Altro che moglie! È stato tutta la notte a giuocare qui da messer Pandolfo.

DON MARZIO Se lo dico io. Sempre giuoco. Sempre giuoco! (da la chicchera e s'alza)

RIDOLFO (Sempre giuoco; sempre moglie; sempre il diavolo, che se lo porti!) (da sé)

DON MARZIO È venuto da me l'altro giorno con tutta segretezza a pregarmi che gli prestassi dieci zecchini sopra un paio di orecchini di sua moglie.

RIDOLFO Vede bene; tutti gli uomini sono soggetti ad avere qualche volta bisogno; ma non tutti hanno piacere poi che si sappia, e per questo sarà venuto da lei, sicuro che non dirà niente a nessuno.

DON MARZIO Oh io non parlo. Fo volentieri servizio a tutti, e non me ne vanto. (mostra gli orecchini in una custodia) Eccoli qui; questi sono gli orecchini di sua moglie. Gli ho prestato dieci zecchini; vi pare che io sia coperto?

RIDOLFO Io non me ne intendo, ma mi par di sì.

DON MARZIO Avete il vostro garzone?

RIDOLFO Ci sarà.

DON MARZIO Chiamatelo. Ehi, Trappola.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License