Carlo Goldoni
La bottega del caffè

ATTO PRIMO

Scena Quattordicesima. Placida da Pellegrino ed Eugenio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Placida da Pellegrino ed Eugenio

 

PLACIDA Un poco di carità alla povera pellegrina.

EUGENIO (da sé) (Ecco qui; corre la moda delle pellegrine.)

PLACIDA (ad Eugenio) Signore, per amor del cielo, mi dia qualche cosa.

EUGENIO Che vuol dir questo, signora pellegrina? Si va cosi per divertimento o per pretesto?

PLACIDA Né per l'uno, né per l'altro.

EUGENIO Dunque per qual causa si gira il mondo?

PLACIDA Per bisogno.

EUGENIO Bisogno, di che?

PLACIDA Di tutto.

EUGENIO Anche di compagnia.

PLACIDA Di questa non avrei bisogno, se mio marito non mi avesse abbandonata.

EUGENIO La solita canzonetta. Mio marito mi ha abbandonata. Di che paese siete, signora?

PLACIDA Piemontese.

EUGENIO E vostro marito?

PLACIDA Piemontese egli pure.

EUGENIO Che facev'egli al suo paese?

PLACIDA Era scritturale d'un mercante.

EUGENIO E perché se n'è andato via?

PLACIDA Per poca volontà di far bene.

EUGENIO Questa è una malattia che l'ho provata anch'io, e non sono ancora guarito.

PLACIDA Signore, aiutatemi per carità. Sono arrivata in questo punto a Venezia. Non so dove andare, non conosco nessuno, non ho danari, son disperata.

EUGENIO Che cosa siete venuta a fare a Venezia?

PLACIDA A vedere se trovo quel disgraziato di mio marito.

EUGENIO Come si chiama?

PLACIDA Flaminio Ardenti.

EUGENIO Non ho mai sentito un tal nome.

PLACIDA Ho timore che il nome se lo sia cambiato.

EUGENIO Girando per la città, può darsi che, se vi è, lo troviate.

PLACIDA Se mi vedrà, fuggirà.

EUGENIO Dovreste far cosi. Siamo ora di carnovale, dovreste mascherarvi, e così più facilmente lo trovereste.

PLACIDA Ma come posso farlo, se non ho alcuno che mi assista? Non so nemmeno dove alloggiare.

EUGENIO (da sé) (Ho inteso, or ora vado in pellegrinaggio ancor io). Se volete, questa è una buona locanda.

PLACIDA Con che coraggio ho da presentarmi alla locanda, se non ho nemmeno da pagare il dormire?

EUGENIO Cara pellegrina, se volete un mezzo ducato, ve lo posso dare. (da sé) (Tutto quello che mi è avanzato dal giuoco.)

PLACIDA Ringrazio la vostra pietà. Ma più del mezzo ducato, più di qual si sia moneta, mi sarebbe cara la vostra protezione.

EUGENIO (da sé) (Non vuole il mezzo ducato; vuole qualche cosa di più.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License