Carlo Goldoni
La bottega del caffè

ATTO SECONDO

Scena Tredicesima. Eugenio dal giuoco e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Eugenio dal giuoco e detti

 

EUGENIO (allegro e ridente) Schiavo, signori, padroni cari.

RIDOLFO Come! Qui il signor Eugenio?

EUGENIO (ridendo) Certo; qui sono.

DON MARZIO Avete vinto?

EUGENIO Sì, signore, ho vinto, sì, signore.

DON MARZIO Oh! Che miracolo!

EUGENIO Che gran caso! Non posso vincere io? Chi sono io? Sono uno stordito?

RIDOLFO Signor Eugenio, è questo il proponimento di non giuocare?

EUGENIO State zitto. Ho vinto.

RIDOLFO E se perdeva?

EUGENIO Oggi non potevo perdere.

RIDOLFO No? Perché?

EUGENIO Quando ho da perdere me lo sento.

RIDOLFO E quando se lo sente, perché giuoca?

EUGENIO Perché ho da perdere.

RIDOLFO E a casa quando si va?

EUGENIO Via, mi principierete a seccare?

RIDOLFO Non dico altro. (da sé) (Povere le mie parole)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License