Carlo Goldoni
La bottega del caffè

ATTO TERZO

Scena Ventesima. Lisaura alla finestra e Don Marzio

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ventesima. Lisaura alla finestra e Don Marzio

 

LISAURA La pellegrina è tornata alla locanda con quel disgraziato di Leandro. S'ella ci sta troppo, me ne vado assolutamente di questa casa. Non posso tollerare la vista, né di lui, né di lei.

DON MARZIO (coll'occhialetto) Schiavo, signora ballerina.

LISAURA (bruscamente) La riverisco.

DON MARZIO Che cosa avete? Mi parete alterata.

LISAURA Mi maraviglio del locandiere, che tenga nella sua locanda simil sorta di gente.

DON MARZIO Di chi intende parlare?

LISAURA Parlo di quella pellegrina, la quale è donna di mal affare, e in questi contorni non ci sono mai state di queste porcherie.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License