Carlo Goldoni
Il bugiardo

ATTO PRIMO

Scena Quattordicesima. Lelio ed Arlecchino, poi Colombina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Lelio ed Arlecchino, poi Colombina

 

ARL. Sia maledetto, l'è andada via senza che la possa veder in fazza.

LEL. Che dici della bellezza di Rosaura? Non è un capo d'opera?

ARL. Ella l'è un capo d'opera de bellezza, e Vusioria un capo d'opera per le spiritose invenzion.

LEL. Dubito che ella abbia qualche incognito amante, il quale aspiri alla sua grazia e non ardisca di dirlo.

ARL. E vu , prevalendove dell'occasion, supplì alle so mancanze.

LEL. Sarei pazzo, se non mi approfittassi d'una sì bella occasione.

COL. (torna a uscire di casa, senza maschera)

ARL. Oe, la cameriera torna in strada. La mia, in materia de muso, no la gh'ha gnente d'invidia della vostra.

LEL. Se puoi, approfittati; se fai breccia, procura ch'ella cooperi colla sua padrona per me.

ARL. Insegnéme qualche busìa.

LEL. La natura a tutti ne somministra.

ARL. Signora, se non m'inganno, ella è quella de sta notte.

COL. Sono quella di questa notte, quella di jeri e quella che ero già vent'anni.

ARL. Brava, spiritosa! Mi mo son quello che sta notte gh'ha dito quelle belle parole.

COL. Il signor Don Piccaro?

ARL. Per servirla.

COL. Mi perdoni, non posso crederlo. L'abito che ella porta, non è da cavaliere.

ARL. Son cavaliere, nobile, ricco e grande; e se non lo credete, domandatelo a questo mio amico. (starnuta verso Lelio)

COL. Evviva.

ARL. Obbligatissimo. (piano a Lelio) (Sior padron, ho starnudado.)

LEL. (piano ad Arlecchino) (Sbrigati e vieni meco).

ARL. (piano a Lelio) (Ve prego, confermè anca vu le mie spiritose invenzion.)

COL. Di che paese è, mio signore? (ad Arlecchino)

ARL. Io sono dell'alma città di Roma. Sono imparentato coi primi cavalieri d'Europa, ed ho i miei feudi nelle quattro parti del mondo. (starnuta forte)

COL. Il ciel l'ajuti!

ARL. Non s'incomodi, ch'è tabacco. (piano a Lelio) (Gnanca per servizio?)

LEL. (Le dici troppo pesanti.)

ARL. (Gnanca le vostre no le son liniere.)

COL. Il signor Marchese, che ama la mia padrona, l'ha regalata; se Vossignoria facesse stima di me, farebbe lo stesso.

ARL. Comandate. Andate in Fiera, prendete quel che vi piace, ch'io ; e disponete sino ad un mezzo milione.

COL. Signor Don Piccaro, è troppo grossa. (entra in casa)

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License