Carlo Goldoni
Il bugiardo

ATTO SECONDO

Scena Quarta. Rosaura e il Dottore

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Rosaura e il Dottore

 

ROS. Gran dolore mi avete fatto provare!

DOTT. Orsù via, medicheremo il dolore sofferto con una nuova allegrezza. Sappi, Rosaura, che io ti ho fatta sposa.

ROS. A chi mai mi avete voi destinata?

DOTT. Al figlio del signor Pantalone.

ROS. Deh, se mi amate, dispensatemi per ora da queste nozze.

DOTT. Dimmi il perché, e può essere che ti contenti.

ROS. Una figlia obbediente e rispettosa non deve celar cos'alcuna al suo genitore. Sappiate, signore, che un cavalier forestiere, di gran sangue e di grandi fortune, mi desidera per consorte.

DOTT. Dunque è vero che vi è il forestiere, e sarà vero della serenata e della cena.

ROS. È vero che un forestiere mi ama, e che mi ha fatta una serenata; ma mi ha parlato una sol volta sotto del terrazzino, e mi fulmini il cielo s'egli ha posto piede mai in questa casa.

DOTT. È un signor grande, e ti vuole per moglie?

ROS. Così almeno mi fa sperare.

DOTT. Guarda bene che egli non sia qualche impostore.

ROS. Oggi si darà a conoscere a voi. Voi aprirete gli occhi per me.

DOTT. Senti, figlia mia, quando il cielo ti avesse destinata questa fortuna non sarei sì pazzo a levartela. Con Pantalone ho qualche impegno, ma solamente di parole: non mancheranno pretesti per liberarmene.

ROS. Basta dire ch'io non lo voglio.

DOTT. Veramente non basterebbe, perché son io quello che comanda: ma troveremo una miglior ragione. Dimmi, come si chiama questo cavaliere?

ROS. Il marchese Asdrubale di Castel d'Oro.

DOTT. Capperi! figlia mia, un marchese?

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License