Carlo Goldoni
Il bugiardo

ATTO SECONDO

Scena Sesta. Rosaura e Beatrice

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Sesta. Rosaura e Beatrice

 

BEAT. Signora sorella, qual fondamento avete voi di credere che il signor marchese si sia dichiarato per voi?

ROS. Il fondamento l'ho infallibile, ma non sono obbligata di dirvi tutto.

BEAT. Sì, sì, lo so. Siete stata fuori di casa in maschera. Vi sarete ingegnata di tirar l'acqua al vostro mulino; ma giuro al cielo, non vi riuscirà, forse, di macinare.

ROS. Che pretensione avete voi? Ha egli detto essere per voi inclinato? Ha dimostrato volervi?

BEAT. Ha detto a me quello che ha detto a voi; e non so ora con qual franchezza lo pretendiate per vostro.

ROS. Basta, si vedrà.

BEAT. Se saprò che mi abbiate fatta qualche soverchieria, sorella, me la pagherete.

ROS. Mi pare che dovreste avere un poco di convenienza. Io finalmente son la maggiore.

BEAT. Di grazia, baciatele la mano alla signora superiora.

ROS. Già, l'ho sempre detto, insieme non si sta bene.

BEAT. Se non era per causa vostra, sarei maritata che sarebbero più di tre anni. Cinquanta mi volevano. Ma il signor padre non ha voluto far torto alla sua primogenita.

ROS. Certo, gran pretendenti avete avuti! Fra gli altri il garbatissimo signor Ottavio, il quale forse per vendicarsi de' vostri disprezzi, ha inventate tutte le indegnità raccontate di noi a nostro padre.

BEAT. Ottavio n'è stato inventore?

ROS. Testè me lo disse il genitore medesimo.

BEAT. Ah indegno! Se mi capita alle mani, vo' che mi senta.

ROS. Meriterebbe essere trucidato.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License