Carlo Goldoni
Il bugiardo

ATTO SECONDO

Scena Undicesima. Pantalone e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Undicesima. Pantalone e detti

 

PAN. Fio mio, giusto ti te cercava.

LEL. Eccomi a' vostri comandi.

ARL. Signor Don Pantalone, essendo, come sarebbe a dire, il servo della mascolina prole, così mi do il bell'onore di essere, cioè di protestarmi di essere, suo di vusignoria!... Intendetemi senza ch'io parli.

PAN. Oh, che caro matto! Chi elo costù?

LEL. È un mio servitore, lepido ma fedele.

PAN. Bravo, pulito. El sarà el nostro divertimento.

ARL. Farò il buffone, se ella comanda.

PAN. Me farè servizio.

ARL. Ma avvertite; datemi ben da mangiare, perché i buffoni mangiano meglio degli altri.

PAN. Gh'avè rason. No ve mancherà el vostro bisogno.

ARL. Vederò se si' galantomo.

PAN. Quel che prometto, mantegno.

ARL. Alle prove. Mi adesso gh'ho bisogno de magnar.

PAN. Andè in cusina, e fèvene dar.

ARL. Sì ben, galantomo. Vago a trovar el cogo. (a Lelio) Sior padron, una parola.

LEL. Cosa vuoi?

ARL. (a Lelio piano) (Ho paura che nol sia voster pader.)

LEL. (E perché?)

ARL. (Perché lu el dis la verità, e vu si' busiaro.) (parte)

LEL. (da sé) (Costui si prende troppa confidenza.)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License