Carlo Goldoni
Il bugiardo

ATTO SECONDO

Scena Diciassettesima. Il Dottore e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Diciassettesima. Il Dottore e detti

 

DOTT. (a Rosaura, di lontano) È questi?

ROS. Sì, ma...

DOTT. (a Rosaura, non sentito da Lelio) Andate dentro!

ROS. Sentite prima...

DOTT. (come sopra) Va dentro, non mi fare adirare!

ROS. Bisogna ch'io l'ubbidisca. (entra)

LEL. (Veramente mi sono portato bene. Gil-Blas non ha di queste belle avventure.)

DOTT. (All'aria si vede ch'è un gran signore; ma mi pare un poco bisbetico.)

LEL. (Ora conviene infinocchiare il padre, se sia possibile.) Signor Dottore, la riverisco divotamente.

DOTT. Le fo umilissima riverenza.

LEL. Non è ella il padre della signora Rosaura?

DOTT. Per servirla.

LEL. Ne godo infinitamente, e desidero l'onore di poterla servire.

DOTT. Effetto della sua bontà.

LEL. Signore, io son uomo che in tutte le cose mie vado alle corte. Permettetemi dunque, che senza preamboli vi dica ch'io sono invaghito di vostra figlia, e che la desidero per consorte.

DOTT. Così mi piace: laconicamente; ed io le rispondo che mi fa un onor che non merito, che gliela darò più che volentieri, quando la si compiaccia darmi gli opportuni attestati dell'esser suo.

LEL. Quando mi accordate la signora Rosaura, mi do a conoscere immediatamente.

DOTT. Non è ella il marchese Asdrubale?

LEL. Vi dirò, caro amico...

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License