Carlo Goldoni
Il bugiardo

ATTO TERZO

Scena Tredicesima. Arlecchino e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Tredicesima. Arlecchino e detti

 

ARL. (a Lelio) Sior padron, salveve.

LEL. Che c'è?

PAN. (ad Arlecchino) Dime a mi, cossstà?

ARL. (a Lelio) No gh'è più tempo de dir busìe. La Romana l'è vegnuda a Venezia.

DOTT. Chi è questa Romana?

ARL. Siora Cleonice Anselmi.

DOTT. È una femmina prostituita?

ARL. Via, tasì . L'è fiola d'un dei primi mercanti de Roma.

LEL. Non è vero, costui mentisce. Non sarà quella, sono un galantuomo. Io non dico bugie.

OTT. Voi galantuomo? Avete prostituito l'onor vostro, la vostra fede, con falsi giuramenti, con testimoni mendaci.

DOTT. Via di questa casa.

PAN. (al Dottore) Cussì scazzè un mio fio?

DOTT. Un figlio che deturpa l'onorato carattere di suo padre.

PAN. Pur troppo disè la verità. Un fio scellerato, un fio traditor, che a forza de busìe mette sottosora la casa, e me fa comparir un babbuin anca mi. Fio indegno, fio desgrazià. Va, che no te voggio più veder; vame lontan dai occhi, come te scazzo lontan dal cuor. (parte)

LEL. Scellerate bugie, vi abomino, vi maledico. Lingua mendace, se più ne dici, ti taglio.

ROS. (chiama) Colombina.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License