Carlo Goldoni
Il buon compatriotto

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA   Campagna col canale della Brenta ed il Burchiello di Padova, alle porte del Moranzan.   Traccagnino e Rosina.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Campagna col canale della Brenta ed il Burchiello di Padova, alle porte del Moranzan.

 

Traccagnino e Rosina.

 

ROS. Vegnì qua, sior Traccagnin. Fina ch'el burchiello passa le porte del Moranzan, vegnì qua che gh'ho voggia de parlar un pochetto con vu.

TRACC. (Mostra piacere e volontà di parlare con lei)

ROS. Per quel che m'avè ditto in burchiello, bergamasco.

TRACC. (Accorda)

ROS. Sappiè, sior Traccagnin, che son bergamasca anca mi.

TRACC. (Si maraviglia, perch'ella ha detto in burchiello di essere milanese)

ROS. Xe vero: ho ditto che son milanese, perché son stada a Milan, e perché gh'ho qualche rason de no far saver a nissun, né chi sia, né da dove che vegna.

TRACC. (La prega di dir a lui chi è, e cosa sia, e dove vada)

ROS. Sì, caro sior Traccagnin...

TRACC. (Che non gli dia del signore, perché è un poveruomo, che va a Venezia per impiegarsi in qualche mestiere, e tentar di far la sua fortuna)

ROS. Ve parlo con civiltà, perché me par che lo meritè. un omo proprio, gh'avè ciera da galantomo.

TRACC. (Si pavoneggia)

ROS. Son segura che a Venezia farè fortuna: ghe n'è stà tanti altri che xe andai a Venezia in pezo fegura de vu, e i ha fatto dei bezzi, e i xe deventai lustrissimi in poco tempo.

TRACC. (Che farà di tutto per diventar illustrissimo)

ROS. Sentì, fio, sora tutto bisogna che ve mettè in testa de sparagnar. Sparagnè el soldo, sparagnè el bezzo, e vederè che farè pulito.

TRACC. (Che questa parola sparagnar è la prima che ha imparato da suo padre, da suo nonno, e da tutt'i suoi parenti: che a forza di sparagnar, ha messo insieme cento ducati, e che con questi vuol negoziar a Venezia)

ROS. Bravo; no passa un anno che i cento ve deventa cento e cinquanta, e po tresento, e po quattrocento, e po mille, e deventarè un dei primi mercanti.

TRACC. (Che si contenterà mangiar polenta e bever acqua per far denari)

ROS. Basta che no ve inamorè, e che no ve vegna voggia de maridarve.

TRACC. (Che non vi è pericolo: che la sua amorosa è il suo , e che penserà a maritarsi quando avrà fatto fortuna, e potrà avere una buona dote)

ROS. Bravo; e po i dise che i bergamaschi xe alocchi. Xe alocchi quei che li crede alocchi.

TRACC. (Che in quanto a lui non sa niente delle cose del mondo; che ha imparato un poco a leggere e scrivere tanto per saper fare una ricevuta, e un poco di conti, per sapere quanto guadagnerà)

ROS. Sappiè per altro, sior Traccagnin, che se volè che el cielo ve daga fortuna, bisogna che siè amoroso, che siè qualche volta caritatevole. No digo che buttè via el vostro, ma la carità no se perde mai, e se farè ben ai altri, gh'averè del ben anca vu.

TRACC. (Che sarà amoroso con tutti, quando non lo tocchino nella scarsella)

ROS. Se pol far del ben anca senza incomodar la scarsella.

TRACC. (Che senza incomodo della scarsella, farà tutto quello che potrà per il suo prossimo)

ROS. E specialmente bisogna, co se pol, far del ben ai so patrioti.

TRACC. (Che per i patriotti ha una tenerezza grandissima e farà loro tutto il ben che potrà, quando non abbia da spendere un soldo)

ROS. E per le patriote sareu gnente compassionevole?)

TRACC. (Anche per esse, quando non abbia da spendere)

ROS. Caro sior Traccagnin, mi son una vostra patriota, e gh'ho bisogno grandissimo della vostra assistenza.

TRACC. (Che la servirà per tutto, basta che non abbia da spendere)

ROS. Per grazia del cielo, per adesso gh'ho el mio bisogno; non intendo d'incomodarve d'un bezzo.

TRACC. (Che cosa voglia da lui)

ROS. Vedè, sior Traccagnin, son sola. Gh'ho bisogno de un poca de compagnia. Vago a Venezia; sola faria una cattiva fegura, me basta che siè con mi, e che stè con mi fina che me riesce una certa cossa, per la qual ho fatto sto viazo.

TRACC. (Che starà con lei, ma circa le spese, ognuno penserà per se stesso. Che è galantuomo, che di quello di lei non ne vuole, ma non vi vuol giuntare del suo)

ROS. V'ho ditto che no gh'ho bisogno de gnente. Me basta d'aver un omo, d'aver un mio patrioto con mi, che in t'una occasion possa operar per mi, e aiutarme in t'una cossa che me preme quanto la mia vita medesima.

TRACC. (Che cosa sia che le preme tanto)

ROS. Ve dirò, ve farò confidenza de tutto. Ma vardè ben no me tradì, no me abbandonè.

TRACC. (Che è galantuomo, che non è capace, che è buon compatriotto, e per la patria, salvo l'interesse, s'impegna di far di tutto)

ROS. Sappiè donca, sior Traccagnin, che mi son una putta.

TRACC. (Fa qualche maraviglia sull'esser ella fanciulla)

ROS. Sior sì, la xe come che ve digo. Son senza pare; mia mare, poverazza, xe vecchia; xe qualche anno che nissun me comanda; m'ha sempre piasso la civiltà, la pulizia; m'ha sempre piasso, onestamente per altro, praticar assae, e più coi forestieri che coi bergamaschi. Xe capità a Bergamo un certo sior Ridolfo napolitan; el m'ha piasso, gh'ho fatto l'amor un anno; el m'ha parola de torme, e sul più bello el m'ha una brava impiantada. El xe andà via senza dirme gnente. Ho savesto da un so amigo ch'el xe a Venezia. Ho chiappà suso; gh'ho ditto a mia mare che andava con un'amiga in campagna, e m'ho messo in viazo, e voggio andar a Venezia, e se trovo costù, voggio ch'el me mantegna la parola. Voggio ch'el me sposa, e se nol vorrà, e se el farà el matto, o lo farò cazzar in t'un camerotto, o ghe cazzerò un cortello in tel stomego, e ghe insegnarò a trattar colle putte da ben, colle bergamasche onorate.

TRACC. (Che non vorrebbe entrare in imbroglio, e che avesse da spender quei pochi soldi che ha)

ROS. No abbiè paura de gnente. Gh'ho tanto spirito che me basta per salvarme mi, e per liberarve vu d'ogn'intrigo.

TRACC. (Che assolutamente non vuole impicci)

ROS. Caro sior Traccagnin, no ve domando altro che un poco de compagnia. Se le cosse se imbrogierà, sarè sempre a tempo de poderve cavar. Possibile che gh'abbiè sto cuor de abbandonar una putta, una zovene, una patriota?

TRACC. (Che gli dispiace per esser patriotta, e che per tal ragione l'assisterà e starà con lei fino che potrà)

ROS. Bravo, sieu benedetto. Me fe crescer tanto de cuor.

TRACC. (Che figura ha da fare con lei. Con che titolo ha da stare in sua compagnia)

ROS. Circa al titolo ghe pensaremo. Se regolaremo secondo quel che succederà. Intanto ve acetto per amigo, per compagno e per mio tutor.

TRACC. (Si trova confuso; poi dimanda chi sia quel Ridolfo che l'ha abbandonata)

ROS. Per quel ch'el dise, el xe un cavalier.

TRACC. (E ella chi sia, cos'abbia nome, e di qual condizione sia nata)

ROS. Ve dirò. Mi gh'ho nome Rosa, e i me dise Rosina. Mio padre giera un bon mulattier, che gh'aveva dei capitali e del credito assae. Son stada fia sola; son stada troppo ben arlevada, e gh'ho delle massime che supera la mia condizion.

TRACC. (Che suo padre è stato un pazzo; che se l'avesse allevata alla bergamasca, non avrebbe pensato così, e non le sarebbe accaduto quello che le è accaduto)

ROS. Xe vero: gh'avè rason. Ma el mal xe fatto, e se posso, ghe vôi remediar. Vegnì a Venezia con mi, assisteme in quel che podè, e v'assicuro che farè un'opera de pietà.

TRACC. (Che l'assisterà per l'amor della patria)

ROS. Scomenza a vegnir la zente del botteghin.

TRACC. (Che è meglio andare a prender posto in burchiello)

ROS. Oh, ghe xe poca zente. Del logo no ghe ne manca.

TRACC. (Loda il burchiello, in cui si sta comodi e si spende poco)

ROS. Semo anca fortunai, ghe xe sta volta una bonissima compagnia.

TRACC. (Esservi quel certo signor Leandro che dava a lei delle grandi occhiate, e lo vede venire)

ROS. Certo el xe un signor compitissimo. El m'ha fatto un mondo de bone grazie.

TRACC. (Che ella, andando a Venezia per trovar l'amante, non dovrebbe far finezze a nessuno)

ROS. A trattar ben con tutti, a far ciera a tutti, no ghe xe mal. Anzi, in tel stato che son, gh'ho bisogno d'amici e protettori.

TRACC. (Che se ella trova altri amici, non avrà bisogno di lui)

ROS. Fazzo più capital de un amigo de cuor, de un mio patrioto, che de tutt'i altri. Stè qua, stè con mi, e feve véder che con mi.

TRACC. (Al signor Leandro, che ora viene, cosa dirà ch'egli sia)

ROS. Secondo. Ghe dirò quel che me vegnirà in bocca. Nol ne cognosse nissun; ghe dirò de vu e de mi quel che me parerà.

TRACC. (Che gli dispiace di quest'impegno, ma che è di buon core e non sa dir di no)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License